Sarà il Laboratorio unico di Pievesestina ad analizzare i test sierologici e i tamponi a cui si sottoporranno i dipendenti del marchio di moda Giorgio Armani, che ha la propria base a Milano. Il patto è stato sigillato da un contratto che Armani e Ausl Romagna hanno sottoscritto alla fine della scorsa settimana. Per conto di uno degli emblemi più famosi dell’italian style, il Laboratorio a Pievesestina analizzerà sia i test ematici fatti attraverso prelievo di sangue, sia i tamponi nasofaringei e orofaringei.
Il contratto si muove nell’ambito delle linee guida dettate dalla Regione e non prevede oneri per servizio sanitario regionale, mentre i ricavi compariranno nel bilancio sanitario dell’Ausl tra i servizi svolti per i privati paganti. I campioni, una volta raccolti, saranno inviati da Milano a Cesena per essere analizzati.
I referti dei casi analizzati, sia in caso di positività che di negatività, verranno inviati al medico competente indicato dalla ditta, al dipendente (mediante il fascicolo sanitario elettronico) e al medico di medicina generale (solo per i residenti in Emilia-Romagna e solo per l’esito del tampone). Tutti i referti dei tamponi sono inoltre recapitati al Servizio di Igiene Pubblica del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl competente territorialmente per l’eventuale attivazione delle indagini epidemiologiche collegate ai tamponi positivi e nell’ambito della “sorveglianza sanitaria attiva”. Per tutti i test il tempo di refertazione stimato è al massimo di 6 giorni.
Da contratto, il rapporto tra la ditta milanese e il laboratorio cesenate dovrebbe durare fino a fine dicembre.

Argomenti:

analisi

coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *