Giochi pericolosi da Halloween in poi: la Finanza sequestra 5mila articoli tra Riccione e Cattolica

I Finanzieri del Comando Provinciale di Rimini, nell’ambito di un vasto piano d’intervento avviato in tutta la provincia volto a garantire la sicurezza dei prodotti commercializzati in occasione dei festeggiamenti per Halloween, hanno effettuato, in più operazioni ed in vari esercizi commerciali, il sequestro di circa 5 mila articoli detenuti per la vendita, soprattutto di bigiotteria, non conforme agli standard di sicurezza previsti dall’Unione Europea.

Nello specifico, i militari hanno sequestrato circa 5.000 articoli non sicuri, presso tre negozi di bigiotteria e chincaglieria, due a Riccione ed uno a Cattolica, gestiti da cittadini originari del Bangladesh, privi delle etichettature indicanti la provenienza o i canali di importazione, delle indicazioni sulla composizione o sui materiali utilizzati per la fabbricazione e delle avvertenze circa le corrette modalità di utilizzo o su eventuali rischi connessi ad un uso improprio: informazioni importanti per la tutela della sicurezza e della salute dei consumatori, specie se articoli a contatto diretto della persona, in particolare dei bambini.

Gli articoli sono stati sequestrati in via amministrativa ed i rappresentanti legali delle attività segnalati alla Camera di Commercio. Il Codice del Consumo prevede l’irrogazione di una sanzione pecuniaria fino ad un massimo di circa 26 mila euro. Sono in corso accertamenti finalizzati alla ricostruzione della filiera di approvvigionamento, apparentemente di origine cinese.

L’attenzione della Guardia di Finanza nello specifico settore è massima in quanto la contraffazione è un moltiplicatore di illegalità; alimenta i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’evasione fiscale, del riciclaggio e della criminalità organizzata. Il commercio di prodotti non genuini e non sicuri non solo danneggia il mercato, per la concorrenza sleale esercitata, penalizzando gli imprenditori onesti, ma mette in pericolo la salute dei consumatori.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui