Ginnastica artistica, oro a Barzasi: Renato Serra in festa

La ginnastica artistica italiana e cesenate è sul tetto del Mediterraneo. La quattordicenne Chiara Barzasi (classe 2007) da Songavazzo nel bergamasco, tesserata per la Renato Serra Cesena, società con la quale ha da poco conquistato la serie A1, è la stella dei Giochi del Mediterraneo che si concludono oggi a Mersin in Turchia. Prima assoluta fra le Juniores nella gara individuale all-around sui quattro attrezzi e trascinatrice della squadra che è meritatamente salita sul gradino più alto del podio con Arianna Belardelli della Ginnastica Heaven Roma e Viola Pierazzini della Giglio Montevarchi. E oggi disputerà la finale alla trave.

«È un’ulteriore conferma dell’indiscutibile valore di questa ginnasta – esulta il tecnico della Renato Serra, Gallina -. È stata una trasferta lampo; iniziata lunedì con il collegiale a Milano, poi un martedì estenuante di viaggio per Mersin, prove gara il mercoledì quindi la competizione, un po’ strana, giovedì ha gareggiato a volteggio e parallele, oggi (ieri, ndr) alla trave e al corpo libero, con conseguente stress mentale doppio. Era affaticata, ma ha saputo tirar fuori tutte le riserve di energia e andare oltre. E adesso come soddisfazione personale, affronta anche la finale alla trave».

Lo splendido risultato arriva dopo un tour de force che ha visto la Barzasi disputare sei gare in cinque mesi. Fra queste il campionato a squadre che ha riportato la Renato Serra in A1, una gara internazionale a Stoccarda dove è arrivata prima, anche se non c’era una classifica individuale e aveva vinto l’oro al corpo libero. Quindi un’altra gara internazionale a Jesolo fino ai Giochi di Mersin. Ma non resta molto tempo per festeggiare: dall’11 al 14 agosto infatti si disputano i campionati Europei a Monaco di Baviera e Chiara, fra le papabili della squadra azzurra, dovrà comunque dimostrarsi all’altezza per fare parte delle cinque che partiranno per la Germania.

«La ragazza dovrà recuperare le forze fisiche e ancor più mentali, apportare qualche piccola variazione per incrementare il suo bagaglio tecnico, aumentare il punteggio di partenza e preparare l’Europeo di agosto sperando di esserci». Intanto Elisa Agosti dopo l’intervento al piede ha iniziato la ripresa. «Abbiamo due 2007 molti forti a cui si aggiunge un’ottima 2008 come Carolina Carlucci e quattro 2010 di valore. La Renato Serra può continuare su livelli molto alti».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui