Saranno presentati domenica in occasione delle Giornate del Patrimonio i risultati delle indagini archeologiche condotte dal 2018 a oggi in prossimità del casello autostradale “Valle Rubicone” che hanno portato alla luce importanti testimonianze dell’antico Rubicone.
Le più recenti di queste riguardano il rinvenimento di tracce di quello che potrebbe essere uno dei più longevi accampamenti militari di epoca Romana, che per datazione e collocazione potrebbe essere coerente con il celebre episodio del passaggio del Rubicone da parte di Cesare. Quello che si sa di quell’episodio lo si conosce grazie agli scritti di Svetonio che racconta che Cesare che stava soggiornando a Ravenna in attesa di conoscere le evoluzioni delle decisioni del Senato a Roma, raggiunse le sue coorti insediate presso il Rubicone da dove superò il fiume. «Impossibile dire se Cesare soggiornò in questo accampamento – avvisa Cristian Tassinari della ditta Tecnè che ha eseguito gli scavi – . Questo però è il primo accampamento romano compatibile con quell’epoca di cui si trova traccia nel Rubicone. Ma a colpire è anche la longevità di questo accampamento, che travalica quel singolo episodio fino ad arrivare al VI secolo dopo Cristo».
La prima parte degli scavi realizzati dalla ditta Tecnè di Riccione sotto sotto la direzione scientifica di Annalisa Pozzi, funzionaria archeologa della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Ravenna, nell’ambito del cantiere per la realizzazione di un grande capannone a servizio della “T&M Properties” avevano già portato alla luce un gruppo di ricche sepolture di età orientalizzante, un villaggio protostorico con tracce di attività legate alla vita quotidiana e alle produzioni artigianali. Un sito che risulta collegato con quello del Compito, dove venne a luce una sepoltura principesca.
Ora di concerto con l’amministrazione comunale di Gatteo, quella di Savignano e la provincia di Forlì-Cesena si punta a valorizzare e rendere fruibile queste importanti scoperte nell’ambito di un parco archeologico e tra i progetti in cantiere da parte dell’amministrazione di Gatteo c’è anche la realizzazione di un museo.
Domenica dalle 15 all’Arena del Castello di Gatteo, i risultati degli scavi archeologici di Gatteo saranno presentati dagli archeologi Annalisa Pozzi della Soprintendenza di Ravenna e Cristian Tassinari della ditta Tecnè. Il resto del pomeriggio, dalle ore 16.30, sarà dedicato all’archeologia sperimentale, con la ricostruzione del villaggio protostorico e l’ambientazione dell’accampamento romano sul limes del Rubicone come emerso dallo scavo.

L’iniziativa è ad ingresso libero previa registrazione. È possibile prenotare chiamando il 3345424882 dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19 o scrivendo a biblioteca@comune.gatteo.fc.it oppure ci si potrà registrare all’ingresso direttamente presso l’Arena del Castello di Gatteo (via Garibaldi, 5). La prenotazione è consigliata. 

Argomenti:

archeologia

reperti

rubicone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *