Gambettola: prende forma l’opera sul riciclo fatta con i Mutoid

L’opera artistica dei Mutoid prende forma e poi verrà messa in una rotonda. Dal riciclo e dall’arte del recupero sta nascendo un simbolo del carnevale di Gambettola, con la collaborazione dei Mutoid per un’istallazione realizzata da un gruppo variegato di cittadini di Gambettola e di altre località, che si sono resi volontari per collaborare a realizzare l’opera.

La filosofia dell’intervento

L’associazione “Gambettola eventi”, in sinergia con il Comune di Gambettola, ha organizzato un laboratorio artistico diretto da Nikki Rodgerson, scultrice e maestra del riuso della Mutoid Waste Company, realtà che opera nelle campagne di Santarcangelo e che da oltre 30 anni affascina e coinvolge per le attività performative e visuali dei suoi artisti del recupero creativo all’insegna della sostenibilità. Il progetto artistico in corso a Gambettola viene considerato innovativo e intende rilanciare, grazie al linguaggio dell’arte, la grande sfida dell’economia circolare e dello sviluppo sostenibile e poi, secondo i piani dell’Amministrazione comunale, verrà installato in una location di pregio della città, avviando un inedito percorso di museo diffuso, che di anno in anno arricchirà Gambettola di opere d’arte e di riciclo creativo, che così la caratterizzeranno tutto l’anno come la città del “Carnevale della Romagna”.

Volontari all’opera

L’iscrizione al laboratorio artistico era gratuita e aperta a tutti e vi hanno preso parte a rotazione una dozzina di persone residenti a Gambettola e in altre zone, giovani e adulti, che si sono impegnati a fondo nella creazione dell’opera d’arte. L’opera interamente realizzata con materiale di riciclo è la prima installazione dedicata al carnevale ed è stato scelto di incentrarla sulla figura di Gambino, uno dei simboli e la nuova maschera del carnevale del nuovo corso. Durante il laboratorio, svoltosi alla bottega del carnevale, i volontari hanno imparato a realizzare maschere utilizzando esclusivamente materiale di recupero, sperimentando l’accostamento del ferrovecchio, da sempre simbolo della tradizione gambettolese, alla maestria dei Mutoid nell’assemblare, nella logica della più moderna e innovativa di “trash art”.

Gambettola eventi

Il laboratorio si è già tenuto per due fine settimana e terminerà il prossimo weekend, sempre alla bottega del carnevale in via Marconi 127, dove c’è anche la sede dei capannoni dei carri di Gambettola. «Sono contento di avere un’artista come Nikki – sottolinea Davide Ricci della “Gambettola eventi” – L’opera durante i corsi mascherati verrà esposta in bella evidenza e mostrata a tutti i presenti. Dopo le sfilate poi andrà ad arricchire una rotonda della città, un’opera d’arte che richiamerà gente da tutta la Romagna e sarà la prima dell’arte diffusa in città».

La soddisfazione dell’artista

«Sono entusiasta di questa innovativa esperienza a Gambettola – afferma la vulcanica Nikki Rodgerson – anzi ora Gambettola è la mia seconda città nel cuore. Finora avevo insegnato a scuole e adulti, averlo fatto a questi volenterosi che amano quest’arte e averlo fatto nella città che è la capitale del riciclo e del riutilizzo delle cose dismesse mi ha riempito veramente di gioia. Per me è stato il massimo aver trasportato un simbolo del carnevale più antico di Romagna da un bozzetto alla realizzazione di una grande opera e mi sento onorata di aver fatto parte di questo progetto».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui