Gambettola, la parrocchia ha ristrutturato immobili per 4,5 milioni

L’economo della parrocchia più grande della diocesi lascia dopo 22 anni. Mauro Foiera, in passato anche vicesindaco di Gambettola, ha curato il primo bilancio della parrocchia S.Egidio abate di Gambettola nel 2000. «Già nel lontano 2012 – racconta -annunciai a don Claudio Turci le mie dimissioni. Ma in considerazione che era partito il nuovo progetto del centro Fulgor, mi chiese di restare fino alla fine dei lavori e così è stato. I lavori si sono protratti fino alla fine del 2019 e poi è arrivata la pandemia. Oggi direi che può bastare, così ho rassegnato a don Tonino Domeniconi le mie dimissioni da fine anno».

Continua: «Nel 1998, con l’arrivo del nuovo parroco don Claudio Turci subentrante a don Vittorio Briganti, gli immobili parrocchiali erano in uno stato pietoso: degradati e pericolosi. Don Claudio insieme al Consiglio economico, si rimboccò le maniche e si iniziò con sistemazione di canonica e chiesa, che comportò una spesa finale di un milione di euro. Poi si proseguì con la “Casa del ragazzo” per un importo di 315.000 euro, a seguire altri lavori per un importo di 460.000 euro. Poi c’era il vecchio cine-teatro Fulgor, anch’esso messo male. Era il 2007 e decidemmo di recuperarlo e di costruire nuovi ambienti per aule catechismo, spazi per Caritas, cucina, salone polivalente e ampliamento circolo».

Nel 2014 fu presentato il progetto che prevedeva oltre al nuovo edificio anche la sistemazione di spazi esterni, campo sportivo, recinzione e arredi, per una spesa di 2.800.000 euro. I lavori iniziarono alla fine dello stesso anno e sono stati inaugurati nel novembre 2019 con una spesa di 2.793.370 euro, uguale a quella preventivata anche se a questi bisognerà aggiungere 250.000 per il completamento dell’area esterna e di attrezzature interne. Dice Foiera: «In questi 21 anni. La spesa sostenuta per gli immobili ristrutturati e costruiti è stata di 4,5 milioni di euro e l’ammontare totale delle uscite di 8,24 milioni. Per la ristrutturazione di chiesa, canonica, “Casa del ragazzo” e nuovo Fulgor, il Consiglio economico e la parrocchia sono stati capaci di raccogliere a vario titolo una media di 327.300 euro ogni anno per 21 anni».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui