Gambettola, il cartellone del teatro Comunale

Dopo «l’apnea collettiva» pandemica, dice la sindaca Letizia Bisacchi, il teatro Comunale di Gambettola si riapre alla collettività. «Solo le relazioni umane che si sviluppano insieme al territorio possono farci uscire dal disagio». Ne sono convinte, con la prima cittadina, anche l’assessora Serena Zavalloni e Roberta Colombo del Teatro del Drago, compagnia a cui è stata riaffidata, tramite bando, la continuità della direzione teatrale fino al 2026. Una sinergia al femminile che annuncia il cartellone del teatro 2021-22, pronto a ricordare anche i cento anni della nascita di Pier Paolo Pasolini (1922-1975): «Dopo Fellini e Dante, è un’altra ricorrenza che aiuta a credere nei maestri». È un pretesto per una stagione che si apre al coinvolgimento di altre associazioni, che scandisce un calendario anche celebrativo di ricorrenze paesane e nazionali, che conferma l’interesse verso il pubblico dei ragazzi e delle famiglie, che aggiunge una nuova finestra su libri e autori, che seleziona con cura artisti e spettacoli porgendo un cartellone solido che si rivolge a tutti.

L’apertura, sabato 20 novembre alle 21, è con “Donne” dell’attrice Lucilla Giagnoni (ha recitato l’intera Divina Commedia dantesca) nella “Settimana contro la violenza alle donne”; Lucilla riflette attraverso le penne di tre scrittrici che ama: Isabelle Allende, Clarice Lispector, Angeles Mastretta. Per la “Settimana Felliniana” Roberto Mercadini racconta “Fellini. Dove nascono i sogni?” (20 gennaio), Gianfranco Miro Gori risponde il 23 gennaio con “C’era la nonna Franzchina. Gambettola nei film di Fellini”.

Nel “Giorno della Memoria”, il 27 gennaio, l’attore Michele Di Giacomo presenta la sorprendente storia di Charlotte Von Mahlsdorf in “Io sono mia moglie”. Da vedere l’omaggio a Gaber “La libertà” (26 febbraio), “Operettalzheimer” con Marzia Gambardella, nell’8 marzo della Donna; fra le proposte di “Famiglie a teatro” c’è anche quella cesenate di Aidoru, “Hansel e Gretel attraverso gli occhi della strega” (15 gennaio); torna il festival Crossroads (7 aprile), per la Liberazione, Paola Sabatani in trio presenta il concerto “Ta-Pum” (24 aprile). Nuova è la rassegna letteraria “Il bosco tra le righe”; si apre il 10 dicembre alle 21 con Matteo Cavezzali e il suo “A morte il tiranno”.

Si racconta a 360 gradi il Comunale di Gambettola, e recupera il logo “La Baracca dei talenti” lanciato dalla direzione di Stefano Giunchi per un teatro anche inclusivo. Va così in scena “Per fame e per amore si fa tutto” della Compagnia integrata Il Dirigibile (26 marzo), pièce che si rifà a “Miseria e nobiltà” di Scarpetta. L’inclusione riguarda pure le scuole con il matinée “Il pifferaio di Hamelin” della compagnia Arte e salute (15 dicembre), ma anche “Tina & Gigi” del Teatro del Drago per i piccolissimi (25 novembre). Torna in scena la nuova danza contemporanea di “E’ Bal” rivolta a ragazzi e famiglie. L’investimento comunale è di oltre 20 mila euro a cui si aggiungono contributi per progetti speciali. cla.ro.

Info: 392 6664211

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui