Dopo le dimissioni a sorpresa del presidente di “Gambettola eventi”, pubblicate sul Corriere Romagna, la sindaca Letizia Bisacchi risponde a Cristian Capeti, che da un anno era alla guida dell’associazione che organizza il carnevale e altri eventi come la fiera della canapa e le tombole di Natale. Due giorni fa c’è stato il classico “fulmine a ciel sereno”. «Ho trovato un’amministrazione comunale distaccata da una manifestazione storica come il carnevale – ha comunicato Capeti – interessata a creare eventi in prima persona escludendo quelle associazioni che per anni si sono prodigate per il bene del nostro paese. Date tutte le circostanze, io non mi sento più di far parte di questa associazione. Propongo Davide Ricci al mio posto, che ritengo sia l’unica persona adatta a ricoprire l’incarico». Ieri Capeti ha ribadito la sua decisione, aggiungendo particolari: «Le mie dimissioni sono irrevocabili ed esco dalla “Gambettola eventi”. ll Comune ha altre priorità. Lo scorso 7 marzo la giunta mi aveva confermato il contributo previsto di 25mila euro, poi me l’ha tagliato adducendo vari motivi. Troppo comodo. Io mi sono preso tutti i rischi e dall’anno scorso ho investito nella manifestazione, accendendo anche un mutuo. Ora pur avendo avuto spese importanti mi devo arrangiare perché il Coronavirus ha fatto revocare l’evento. Ma se tutto fosse andato bene si sarebbero presi loro i meriti. Poi scopro che negli eventi estivi hanno investito a piene mani, mentre invece io ci devo rimettere di tasca mia».
La sindaca risponde: «Le dimissioni da Capeti mi sono arrivate via whatsapp e senza nessun preavviso – afferma Letizia Bisacchi – in un momento di crisi generale come quest’emergenza è inopportuno non farsi carico delle proprie responsabilità, adombrando sospetti politici, quando di politico non c’è proprio nulla. Eppure ho apprezzato il percorso di rinnovamento e ho sempre sostenuto Capeti. L’anno scorso abbiamo elargito 50mila euro per sistemare delle strutture che sta utilizzando la “Gambettola eventi”. Poi siamo stati vicini a Capeti durante le uscite dell’associazione a Firenze, Cento e Fano. Un impegno profuso come nessuna amministrazione comunale aveva fatto prima di noi. Nonostante la manifestazione non si sia svolta e le priorità di spesa legata al Covid 19 abbiamo concesso ugualmente 13.500 euro per un evento che non si è svolto. Forse un’altra amministrazione comunale lo avrebbe azzerato. Abbiamo sempre coinvolto tutte le associazioni per realizzare comunque degli eventi estivi e chiesto a tutti di prendervi parte. La “Gambettola eventi” si è tirata indietro dicendosi non interessata e avendo gli eventi autunnali. Sono amareggiata per questa sua decisione che non tiene conto dello sforzo che tutta l’amministrazione sta facendo. Non ci faremo abbattere da questi atteggiamenti e troveremo la soluzione per fare il prossimo anno un bel carnevale».

Argomenti:

carnevale

dimissioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *