Guglielmo Russo è stato confermato all’unanimità presidente di Legacoop Romagna. Verrà affiancato da due vicepresidenti, Mario Mazzotti – che mantiene il ruolo di direttore generale – e la riminese Giorgia Gianni.

Il mondo Legacoop Romagna associa più di 400 imprese che danno lavoro a oltre 26mila persone. Il movimento aggrega circa 350mila soci in tutti i settori dell’economia: produzione e servizi, agroalimentare, distribuzione, cultura e turismo. Ogni anno le cooperative riversano sul territorio romagnolo 3 milioni di euro nel sostegno di attività degli enti locali, sanità, cultura, associazionismo sociale e sportivo.

Il nuovo consiglio di presidenza è composto da Andrea Babini di Icel, Valerio Brighi di Cbr, Antonio Campri di Deco, Marco Casalini di Terremerse, Marco Nannetti di Cevico, Stanislao Fabbrino di Fruttagel, Monica Fantini di Conscoop, Alfredo Fioretti di Cmc, Giovanni Giambi di Promosagri, Giorgia Gianni di Fucina 798, Romina Maresi di San Vitale, Mario Mazzotti di Dister Energia, Mirco Zanotti di Apofruit, Luca Panzavolta di Cia-Conad, Giovanni Piersanti di Cac, Graziano Rinaldini di Formula Servizi, Guglielmo Russo di Cad e Cristian Tamagnini di Centofiori.

Nel suo intervento Guglielmo Russo ha riassunto quella che sarà la strategia dell’associazione dei prossimi anni, e di Mario Mazzotti, che è entrato nel dettaglio dei progetti e delle azioni che serviranno a concretizzarla. Russo ha ricordato i 5 obiettivi strategici di Legacoop: lavoro e formazione, politiche attive che permettano un corretto rapporto tra domanda e offerta di lavoro, equità, sostenibilità e legalità. Mario Mazzotti ha chiarito quali siano i progetti che l’associazione intende mettere in campo a sostegno delle associate e che riguardano la portualità e la logistica, il sistema territoriale romagnolo, le frontiere del nuovo Welfare, il buon lavoro cooperativo, la pianificazione territoriale, l’urbanistica e la rigenerazione urbana, le case del popolo e gli spazi di aggregazione sociale, la pesca e il suo futuro e la salute del mare e della costa. Tra gli obiettivi la promozione cooperativa e il rinnovamento delle classi dirigenti.

Nel corso dell’appuntamento ha preso la parola anche Luca Pavarotti, presidente di CEGA, la cooperativa editrice del Corriere 
Romagna, che ha affrontato il nodo problematico dei contributi all’editoria. A conclusione dei lavori, il presidente regionale di Legacoop, Giovanni Monti, ha ricordato i 5 obiettivi base: «nuovo sviluppo, sostenibilità, lavoro, conoscenza, buona civiltà».

Argomenti:

assemblea

Legacoop

presidente

romagna

russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *