Fusignano, progetto per ristrutturare il ponte sul Senio a Masiera

Il progetto di ristrutturazione del ponte di Masiera, da un costo di 770.000 euro (600.000 euro finanziati dallo Stato e 170.000 euro finanziati dalla Provincia) è stato oggetto di un convegno molto partecipato al Granaio, presenti anche i sindaci di Fusignano e Bagnacavallo Nicola Pasi ed Eleonora Proni, oltre che Domenico Sportelli degli “Amici del Senio”, i tecnici Paolo Nobile, Fabio Minghini, Caterina Mancusi, Rodolfo Gaudenzi.

La prima parte della serata è stata dedicata alla storia del ponte con un contributo offerto dal ricercatore storico Osvaldo Contarini.
Nobile ha riferito come la riorganizzazione del ponte preveda «la soppressione dell’attuale piccolo marciapiede a monte e a valle e la definizione in sede protette di una ciclovia a due sensi, funzionale al collegamento con Masiera. Sarà un tutt’uno con la rampa di salita partente da via Severoli e la stradina che dopo il ponte scende a Masiera. Rilievi tecnici, come risulta da uno studio, hanno potuto appurare che nell’attraversamento del ponte il venti per cento degli automezzi pesanti supera, anche di molto, il limite di portata e che una percentuale ben più elevata supera i limiti di velocità».

«Da parte nostra – ha sottolineato Sportelli – inviteremo e accompagneremo gli amministratori comunali a visitare la zona, convinti come siamo che, come sempre è stato detto dai tecnici e assunto dai politici, quell’opera sia fondamentale per la sicurezza a valle».
Il sindaco Pasi ha evidenziato «i notevoli investimenti per la sicurezza fatti dall’autorità del fiume nel tratto di pianura. Oggi il territorio è più sicuro che nel passato recente. Il ponte progettato a livello esecutivo sarà messo a gara d’appalto nelle prossime settimane ed i lavori sono previsti per il prossimo anno. Previste opere di consolidamento strutturale e di messa in sicurezza degli attraversamenti ciclabili che non comporteranno la completa interruzione della viabilità se non per alcune specifiche lavorazioni».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui