Fusignano, Julian Lage Trio per “Crossroads”

“Crossroads” saluta il parco Piancastelli di Fusignano, che ha ospitato la maggior parte dei concerti romagnoli del festival jazz regionale, questa sera dalle 21, con il trio del chitarrista americano Julian Lage. Nonostante la giovane età, il trentatreenne californiano, ha già una lunga carriera alle spalle, cominciata come bambino prodigio. Dopo gli studi classici, il jazz ha fatto irruzione nella sua vita quando si è trasferito al Berklee college di Boston, dove ha avuto come insegnante Gary Burton, con il quale ha cominciato a lavorare sul palco. Da allora ha collaborato con molti grandi jazzisti americani, e dal 2009 è diventato bandleader, scegliendo spesso la formula del trio.

A Fusignano sarà con Jorge Roeder al contrabbasso e Kenny Wollesen alla batteria. Biglietti a 15 euro.

Domenica 25 luglio alle 21.15 “Crossroads” si trasferisce nell’Arena Lido di Rimini, per ospitare il trio di Avishai Cohen. Il contrabbassista israeliano ha cominciato a studiare pianoforte da bambino in patria, ma quando la sua famiglia si è trasferita a Saint Louis, Missouri ha cominciato a dedicarsi al basso elettrico, sulle orme del suo mito Jaco Pastorious. Terminati gli studi si è trasferito a New York, dove ha accettato qualsiasi ingaggio per poter vivere, compreso il passaggio al contrabbasso. È stata la sua fortuna, perché nel 1997 Chick Corea lo assume nel suo gruppo Origin, consentendogli il grande salto sui palcoscenici più prestigiosi del jazz internazionale. Corea lo incoraggia l’anno successivo a diventare band leader, producendogli i primi dischi di brani originali, nei quali emergono le influenze latine e mediterranee di Cohen. Il trio è la formazione nella quale si è cimentato più spesso, inserendo col tempo elementi stilistici mediorientali e della tradizione musicale ebraica, come conferma il suo disco più recente: “Arvoles”.

Anche a Rimini lo vedremo in trio, con Elchin Shirinov al pianoforte e Roni Kaspi alla batteria. Biglietti a 15, 20 e 25 euro.

www.crossroads-it.org

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui