La polizia nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio finalizzati a fronteggiare il fenomeno delinquenziale dei reati in genere in particolare di quelli contro il patrimonio nella notte del 27 settembre ha arrestato un 21enne, nato in Gambia, senza fissa dimora, con a carico precedenti penali specifici. L’accusa è furto in abitazione e resistenza a pubblico ufficiale. La pattuglia è intervenuta presso un’abitazione privata poiché un estraneo vi si era introdotto furtivamente e aveva poi usato violenza nei confronti dei residenti quando lo avevano scoperto. Era entrato mediante la forzatura della porta finestra, mentre il padrone di casa era in camera da letto. Vistosi scoperto, lo aveva aggredito provocandogli lesioni poi giudicate guaribili in 6 giorni di prognosi. La vittima, durante la colluttazione aveva richiamato l’aiuto degli altri abitanti dell’immobile insieme ai quali con l’ausilio dei poliziotti, riuscivano a bloccare il malvivente. Mentre si apprestavano a farlo salire sull’auto di servizio, il 21enne ha tentato la fuga divincolandosi violentemente e spintonando gli agenti. E anche una volta caricato in auto ha dato luogo a violente intemperanze colpendo più volte gli interni del veicolo. Portato in Commissariato, è stato identificato mediante fotosegnalamento e ottenuti i riscontri Afis venivano estrapolate le esatte generalità. Durante la successiva perquisizione personale si appurava che il soggetto si era appropriato prima di tentare la fuga di effetti personali dei condomini. Motivi che consentivano agli inquirenti di trarlo in arresto per rapina impropria, per essersi introdotto, mediante la forzatura di una finestra, all’interno di un’abitazione privata, occupata, con l’obbiettivo di commettere un furto, usando quindi violenza nei confronti della vittima che lo ha sorpreso al fine di assicurarsi l’impunità ed il possesso della cosa sottratta, nonché la resistenza posta in essere nei confronti dei pubblici ufficiali intervenuti che hanno impedito al fermato di guadagnare la fuga.

Argomenti:

furto

rapina

resistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *