In furgone tampona un autoarticolato e muore 57enne residente a Rimini

Un uomo di 57 anni, Silvio Barletta, nato ad Avellino, ma residente a Rimini da trenta anni, è morto ieri per le conseguenze di un incidente stradale avvenuto lungo la “superstrada” Flaminia all’altezza della frazione Smirra nel territorio comunale di Cagli (Pesaro-Urbino).

L’uomo, alla guida di un furgone da lavoro Iveco Daily, adibito al trasporto, stava rientrando in Romagna quando, attorno alle 13 ha tamponato – per cause ancora al vaglio della polizia stradale – l’autoarticolato che lo precedeva, seguito poi a catena da una vettura che lo avrebbe tamponato a sua volta.

Ad avere la peggio è stato lo stesso Silvio Barletta. All’arrivo dei primi soccorritori l’uomo era ancora vivo, ma in gravissime condizioni tanto che i sanitari del 118 hanno richiesto l’intervento dell’eliambulanza.

L’elicottero è arrivato in pochi minuti ed è atterrato in zona, ma purtroppo è ripartito quasi subito senza neppure trasportare a bordo il paziente: nel frattempo, infatti, nonostante gli sforzi del personale medico, era deceduto.

Nel tamponamento a catena è rimasto ferito, in maniera non grave, anche l’automobilista al volante della Mito Alfa Romeo (trasportato all’ospedale di Urbino sarà dimesso a breve), mentre il conducente del Tir è rimasto illeso.

Durante le operazioni di soccorso la strada è stata inizialmente chiusa per permettere l’atterraggio dell’elicottero.

Silvio Barletta, nato in Campania ma cresciuto a Carpi (si era trasferito in Emilia con la famiglia quando aveva dieci anni) aveva scelto di vivere a Rimini trenta anni fa dopo il matrimonio con la riminese Monica Mancini. Era un uomo benvoluto e dedicava la gran parte del tempo al lavoro (trasportava e distribuiva bevande per conto di una ditta specializzata). Oltre alla moglie, il cinquantasettenne lascia anche il figlio Juri Barletta. La notizia della tragedia ha sconvolto familiari e amici. La data dei funerali non è ancora stata fissata: bisognerà attendere il nullaosta della procura di Pesaro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui