Per il “funerale” all’unione civile a Cesena ritinteggerà sede Arcigay

Per il "funerale" all'unione civile a Cesena ritinteggerà sede Arcigay
La manifestazione che ha portato al processo

CESENA. Prima sentenza al processo che coinvolge alcuni militanti di Forza Nuova per aver inscenato un funerale in occasione della seconda unione civile tra due uomini a Cesena nel 2017. Un 57enne forlivese che partecipò alla manifestazione ha avuto accesso all’istituto dell’affidamento in prova.
Svolgerà servizi socialmente utili alla collettività. Per lui il gip Massimo De Paoli ha sancito che debba svolgere 30 giorni (per un totale di 60 ore) di lavori di pubblica utilità per il comune di Civitella di Romagna. E come risarcimento alle parti civili dovranno essere ritinteggiate una cappella cimiteriale e le sedi dell’Anpi e dell’Arcigay di Rimini.

I dettagli nel Corriere Romagna oggi in edicola

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *