Freddo, i suggerimenti per risparmiare denaro e tutelare l’ambiente

Torna il freddo e, nelle case, ritorna la necessità di far caldo. I più “resistenti” puntano al sistema più sostenibile di tutti, con coperte e vestiti a cipolla. Ma in che modo si può rendere la casa più confortevole tenendo in considerazione la sostenibilità? Il dipartimento dell’Unità efficienza energetica di Enea ha realizzato una guida gratuita per i condomini, con le regole per una corretta ripartizione delle spese di riscaldamento, raffreddamento e acqua calda sanitaria. Dieci consigli che è possibile seguire per ridurre i consumi, tenendo d’occhio la spesa economica e rispettando l’ambiente. Il primo passo da fare è di eseguire una corretta manutenzione degli impianti, mettendoli in sicurezza. Un impianto consuma e inquina meno quando è regolato correttamente, è pulito e senza incrostazioni di calcare. Per chi non effettua la manutenzione del proprio impianto è prevista, secondo quanto previsto dal Dpr 74/2013, una multa a partire da 500 euro. Ai tecnici si può chiedere anche una diagnosi energetica dell’edificio per valutare lo stato di isolamento termico e l’efficienza degli impianti. Se si è un po’ troppo frettolosi, bisogna sapere che scaldare eccessivamente la casa può danneggiare la salute e le tasche. La normativa prevede una temperatura di 20 gradi più 2 di tolleranza, ma 19 gradi sono più che sufficienti a garantire il comfort necessario. Inoltre, per ogni grado in meno si risparmia dal 5 al 10 per cento sui consumi di combustibile. Non serve a niente tenere acceso l’impianto termico di giorno e di notte. In un’abitazione efficiente, il calore accumulato dalle strutture quando l’impianto è in funzione garantisce un sufficiente grado di comfort anche nelle ore di spegnimento. Il tempo massimo di accensione giornaliero varia per legge a seconda delle 6 zone climatiche in cui è suddivisa l’Italia: da 14 ore giornaliere per gli impianti in zona E (nord e zone montane) alle 8 ore della zona B (delle fasce costiere del Sud Italia).

Una soluzione semplice ma molto efficace per limitare le dispersioni di calore (soprattutto nei casi in cui il calorifero è incassato nella parete diminuendone spessore e grado di isolamento), è quella di mettere un pannello riflettente. Per contribuire a ridurre le dispersioni verso l’esterno, può bastare un semplice foglio di carta stagnola. E chiudendo persiane e tapparelle (o disponendo tende pesanti) si riducono le dispersioni di calore verso l’esterno. Bisogna poi stare attenti agli ostacoli davanti ai radiatori: metterci davanti tende o mobili o usarli come asciuga biancheria, ostacola la diffusione del calore verso l’ambiente ed è causa di sprechi. Dal 2015, tranne rare eccezioni, è possibile installare solo caldaie a condensazione. È opportuno valutare la possibilità di sostituire il vecchio generatore di calore con uno a condensazione o con pompa di calore ad alta efficienza. Sono disponibili anche caldaie alimentate a biomassa e sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) abbinati a impianti solari termici per scaldare l’acqua e fotovoltaici per produrre energia elettrica. Le soluzioni innovative sono poi essenziali per il risparmio energetico: è indispensabile dotare il proprio impianto di una centralina di regolazione automatica della temperatura in grado di evitare inutili picchi o sbalzi di potenza e le valvole termostatiche (obbligatorie nei condomini), che regolano il flusso dell’acqua calda nei termosifoni, consentendo di non superare la temperatura impostata per il riscaldamento degli ambienti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui