Allarme frane al Parco della Rimembranza, quello che circonda la rocca. Già da qualche tempo, per motivi di sicurezza, è stato necessario delimitare alcuni punti dove ci sono smottamenti evidenti, così da impedire l’accesso ai frequentatori. Ora, per avere un quadro più completo della situazione e predisporre i necessari interventi di sistemazione, il Comune ha deciso di affidare un incarico specifico a un geologo. Sarà Alfredo Ricci, di San Piero in Bagno, a realizzare un’indagine conoscitiva, dietro compenso di circa 4.600 euro, per analizzare i dissesti in atto, allo scopo di procedere poi a eseguire i lavori di stabilizzazione che sono sempre più urgenti. L’indagine geologica in questione dovrà essere consegnata entro 3 mesi.

Parco nato quasi un secolo fa

Il Parco della Rimembranza, che si estende su ben 4 ettari di superficie, fu realizzato nel 1922 per coprire le pendici del colle Garampo, su cui sorge la rocca, e fu inaugurato nel 1924. In precedenza quell’area era spoglia e c’è chi fa notare che per valorizzare la fortezza, rendendola più visibile per chi la osserva dalle strade sottostanti visibile, sarebbe bene almeno sfrondare le piante presenti.

Perla anche naturalistica

Quel che è certo è che, in attesa di riqualificare quello splendido polmone verde, che versa tra l’altro in uno stato d’incuria che periodicamente è accompagnato da lamentele di cittadini, il patrimonio naturalistico lì presente meriterebbe maggiore attenzione. Si tratta infatti di un regno della biodiversità, ricco di piante (inizialmente furono 600 gli alberi che furono messi a dimora, uno per ciascuno dei giovani soldati cesenati caduti durante la prima guerra mondiale) e animali, anche rari. Un censimento effettuato da appassionati, a cominciare da Eddi Bisulli, insegnante molto attento alle questioni ambientali e fondatore dell’associazione “Viaterrea”, ha catalogato oltre cento specie.

Intanto, però, c’è da fare in fretta un primo passo per scongiurare il rischio che movimenti franosi possano creare sconquassi che sarebbe poi complicato rimediare.

Argomenti:

paco rocca frane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *