Francesca e il mito dell’amore rivivono a Rimini

Si concludono l’1 e il 2 luglio le lunghe celebrazioni del Centenario dantesco di Rimini e dei territori malatestiani. Ultimi nel calendario, tre eventi culturali, dedicati al mito d’amore più amato della cultura occidentale: Francesca da Rimini sarà appunto al centro di un convegno internazionale di studi, una mostra e un concerto di musiche d’epoca. Gli eventi, targati “Buon compleanno Francesca da Rimini”, sono parte dell’immensa selezione di spettacoli della Notte rosa 2022.

Anche se propriamente non si sa la data di nascita di Francesca, si prende in considerazione il 1 luglio 1795, data in cui appare a Firenze la prima opera letteraria stampata dedicata a lei, nella quale viene chiamata per la prima volta “da Rimini”, anziché “da Polenta”. Da allora, ha attraversato il romanticismo internazionale, grazie a più di duemila artisti e a migliaia di opere in ogni forma espressiva.

Le celebrazioni sono iniziate l’8 marzo con “World wide kisses”, una maratona poetica e artistica di studenti e di insegnanti di ogni parte del globo, collegati in streaming con il teatro Galli, che hanno recitato e animato i versi di Francesca da Rimini, in diciotto lingue differenti. Sono poi proseguiti nei mesi svariati eventi, fino ad arrivare a questi ultimi appuntamenti, imperdibili per gli appassionati del sommo poeta.

Si inizia con Cinque continenti per il V Canto: Francesca da Rimini, un mito senza confini, un convegno internazionale di studi con dodici accademici dall’Africa, America, Asia, Europa e Oceania. Tra questi, Allison Cornish, presidente della Dante Society of America, e Marcello Ciccuto, presidente della Società Dantesca italiana. Saranno in conversazione nel Museo della Città domani 1° luglio dalle 9.30 alle 12 e dalle 15.30 alle 19, e il 2 luglio dalle 9.30 alle 13. L’evento è in collaborazione con musei comunali, Rimini e Apt Servizi.

Si potrà poi osservare sempre al museo La Commedia immaginata, mostra prorogata dal 16 maggio al 3 luglio: in collaborazione con la Biblioteca Gambalunga, un viaggio attraverso le immagini che hanno illustrato, interpretato e divulgato il capolavoro dantesco. Si potrà scegliere tra due percorsi. Nel primo, “1487-2021”, attraverso una selezione di Divine Commedie, si osserva come, in sette secoli, siano profondamente mutate le narrazioni visive dell’opera del poeta, dalla prima edizione illustrata della Commedia edita nel 1487 a Brescia da Bonino de’ Bonini, alla Commedia pop-up con realtà aumentata realizzata nel 2021 da Massimo Missiroli e Paolo Rambelli.

Il secondo percorso, “Canto per canto”, propone 100 tavole incise del pittore francese ottocentesco Franz Adolf Stürler, innamorato degli artisti del Medioevo e Rinascimento italiani, che scelse al suo tempo di narrare tutti i canti della Commedia attraverso le sue interpretazioni grafiche.

A chiudere le danze sarà un concerto dedicato a Francesca da Rimini e Dante, Melodie d’amore nella città di Francesca. Si tratta di un concerto di brani di artisti celebri, editi e inediti, eseguiti dal Francesca da Rimini Ensemble, alla corte di Palazzo Gambalunga, venerdì 1° luglio alle 21.30, in collaborazione con la Sagra malatestiana. Evento gratuito, a cura di Antonio Rostagno ed Enrico Meyer.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui