Forlimpopoli in lutto: morto Dino “Falamè” Zaccarelli

All’età di 94 anni si è spento Dino Zaccarelli, conosciuto da tutti i forlimpopolesi come Falamè. «È una giornata molto triste – annuncia la sindaca di Forlimpopoli, Milena Garavini –. Dino si è distinto per la sua generosità e solarità. Era un uomo buono, generoso disponibile amante della vita, noto per la sua ospitalità e accoglienza. Se ne va un punto di riferimento per San Pietro ai Prati, Forlimpopoli e non solo». Dopo una malattia lascia una figlia e la moglie Lisa con cui condivideva la passione per il ballo. Molto conosciuto nella città artusiana e nella frazione, era solito aprire la sua casa per riunioni, eventi o anche solo per cene conviviali. Da sempre militante, aveva iniziato a muovere i primi massi nel Pci, personaggio attivo nella politica locale, pur non avendo mai ricoperto incarichi istituzionali o dirigenziali all’interno del partito. «Io stessa l’ho conosciuto da ragazzina quando mi sono approcciata al mondo della politica e dell’associazionismo. Falamè era una di quelle persone trasversali, era sempre presente e disponibile – racconta la prima cittadina –. Fa parte di quella generazione che è stata la costruttrice della nostra società dal punto di vista politico nel dopo guerra. Era un punto di riferimento per tutti noi, è sempre stato disponibile e sapeva farsi voler bene». Dino Zaccarelli, infatti, è stato molto attivo nella comunità forlimpopolese fino a qualche anno fa. «Con la sua macchina bianca ormai quasi “d’antiquariato” ha percorso la Romagna a distribuire volantini, a avvisare di riunioni, di assemblee – ricorda Garavini –. Solo qualche anno fa, prima della malattia, ancora riprendeva gli incontri e gli eventi con un vecchio videoregistratore vhs con semplicità ma con tanta passione. Un personaggio che ha fatto la storia di Forlimpopoli e non solo. Ricordo una delle tante serate al circolino “ad Savador”. Un altro pezzo di storia che se ne va, col rammarico di non averlo potuto salutare da lungo tempo. Lascia un grande vuoto e tanta tristezza. Porgo le condoglianze alla famiglia e alla inseparabile moglie Lisa. Ciao Falamè».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui