Forlì, “vi portiamo noi gratis a fare la spesa”: l’idea del socio Conad per Villafranca

Orari e fermate sono ancora da programmare ma è certo che, nelle prossime settimane, gli abitanti di Villafranca avranno a disposizione un bus gratuito per raggiungere, in determinati giorni, il Conad della Cava. Si tratta di una prima risposta al grido d’aiuto lanciato da alcuni residenti del quartiere allarmati, tra le altre criticità, dall’imminente chiusura dell’unico supermercato presente, un Conad City . Ad investire nel servizio è Marco Leroy, che aveva già offerto questo tipo di iniziativa nel 2019 quando gli abitanti del quartiere Schiavonia di Forlì rimasero, analogamente, sprovvisti di un supermercato territoriale di riferimento. «Abbiamo pensato di ripetere l’iniziativa per metterla al servizio dei cittadini, in particolar modo gli anziani – spiega il socio Conad della Cava -. Quando organizzammo, in passato, il medesimo servizio per i residenti del centro storico, fu molto apprezzato in particolar modo durante i mesi invernali quando è più difficile per chi non ha una macchina spostarsi con altri mezzi come la bicicletta».

In quel caso, la navetta transitava due volte a settimana, facendo più giri durante la giornata prescelta in modo da garantire il rientro a casa. Purtroppo, spiegano da commercianti indipendenti associati (Cia), «alcuni quartieri periferici dispongono di un bacino commerciale di riferimento limitato e in caso di disagi, anche per l’aumento della densità commerciale nelle aree urbane in seguito al ciclo di aperture degli ultimi anni, ne risentono maggiormente». Per questa ragione, la cooperativa sta pensando a misure di aiuto per i soci: «Alla luce delle enormi difficoltà causate in particolare dall’aumento dei costi energetici – continuano da Cia – stiamo mettendo in campo un robusto piano di sostegno ai soci per contrastare tale fenomeno e per contenere l’impatto negativo delle dinamiche inflattive sui consumatori».

Nel frattempo, i consiglieri comunali Eros Brunelli e Franco Bagnara chiedono alla Provincia un intervento al manto stradale lungo le piste ciclabili che attraversano San Martino in Villafranca e Villafranca, in corrispondenza delle zone dove c’erano gli alberi. «La marcescenza delle radici – sottolineano – determina interstizi con conseguente assestamento dell’asfalto, che a sua volta cedendo anche sotto il peso delle biciclette e delle persone crea il pericolo di cadute. Si chiede quindi un intervento globale e di asfaltatura nei vari punti dissestati dove un tempo c’erano le piante».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui