Forlì. Vaccini in netto calo, da 1.800 a 150 al giorno

Il vaccino ci avvicina, se non ancora all’uscita definitiva dal lungo tunnel della pandemia, almeno a intravederne realmente lo sbocco. Sino al punto di non avere più bisogno del suo aiuto? No, fughe in avanti di tale portata il responsabile della Direzione infermieristica e tecnica dell’azienda sanitaria forlivese, Andrea Galeotti, non si azzarda a farne, ma sulla necessaria cadenza annuale delle somministrazioni per tutti di cui tanto si era parlato tra dicembre e gennaio, frena. «Dipenderà da quale sarà la progressione estiva dei contagi, ma se non interverranno scossoni non credo sarà necessario somministrare la quarta dose ad altre categorie di persone a parte gli immunodepressi che possono accedere liberamente ai nostri centri da inizio mese – dichiara –. Forse neppure noi operatori sanitari saremo costretti, vedremo quale sarà l’evoluzione del virus, ma di sicuro andremo a ridurre progressivamente la nostra attività sino a rendere la vaccinazione un’offerta standard di profilassi della sanità pubblica».

L’articolo completo sul Corriere Romagna oggi in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui