Forlì. Unica reti, 20 milioni di interventi in 3 anni

I 20 anni di Unica Reti, la società nata nel 2002 che mette insieme 8.200 km di reti di acqua e di gas di 30 Comuni di Forlì, Cesena e Valle del Rubicone, sono l’occasione per presentare il bilancio di solidarietà. Unica Reti, infatti, è una società solida e in buona salute che dal 2010 ha stanziato oltre 35 milioni di euro ai soci e finanziato investimenti per più di 20 milioni di euro.

«Sono stati 20 anni importanti per il territorio e per quello che siamo riusciti a sviluppare insieme ai 30 Comuni soci – dice Stefano Bellavista, amministratore unico della società –. Il tema della sostenibilità è un fattore importante per consolidare il legame territoriale e garantire una declinazione coerente al passo con l’Agenda 2030 tra soci e Unica Reti». Al fianco dei soci, la stessa Unica Reti sostiene gli obiettivi di sviluppo e innovazione che il territorio richiede, tra cui anche la promozione di progetti di efficientamento e di ottimizzazione della rete di illuminazione pubblica. «Nel corso dell’ultimo triennio – prosegue l’amministratore unico –, la società ha messo a disposizione, in affiancamento al gestore e di concerto con i Comuni, oltre 20 milioni di euro a titolo di compartecipazione allo sviluppo e ammodernamento delle infrastrutture idriche e di gas. Inoltre, sono diverse le iniziative che hanno reso possibile il raggiungimento degli obiettivi. Tra queste la riqualificazione delle reti di illuminazione pubblica di 5 Comuni e l’innovativo progetto, che va in questa direzione, Smart Land, gli interventi capillari per la sensibilizzazione sui temi del plastic free e dell’acqua pubblica di rete, il sostegno del patrimonio storico e culturale attraverso l’Art Bonus e anche la riqualificazione di aree verdi pubbliche per la creazione di orti urbani per le famiglie. Tutto questo per tracciare, insieme ai soci, un percorso che sia sempre innovativo e sostenibile, sia dal punto di vista ambientale che sociale». Insomma, Unica Reti da 20 anni cerca di combinare efficacemente le risorse di cui dispone al fine di valorizzare le specificità dei servizi territoriali. «Questa società – dice Vittorio Cicognani, assessore alle partecipate del Comune di Forlì –. è l’esempio di buona politica. Venti anni fa è stata fatta una scelta che ritengo intelligente e attuale, creando Unica Reti i Comuni, infatti, sono comunque rimasti i proprietari delle reti idriche e di gas».

«La scelta si sta rivelando vincente – fa eco il sindaco di Savignano, Filippo Giovannini –, allora con una visione moderna e innovativa si è cercato di dare una visione in prospettiva, e in rete, dei nostri territori».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui