Forlì, una cerimonia in ricordo dell’eccidio di Pievequinta

Questa mattina, una delegazione civica accompagnata dal gonfalone e composta dalla Presidente del Consiglio comunale Alessandra Ascari Raccagni, dal Comitato di Quartiere di Pievequinta e da rappresentanti dell’Associazione Amici della Pieve, ha reso onore alle vittime dell’eccidio del 26 luglio 1944 presso il monumento di via del Cippo. Con la deposizione di una corona commemorativa è stato rispettato un momento di raccoglimento in memoria delle dieci vittime della rappresaglia nazifascista: Don Francesco Babini, Riziero Bartolini, Alfredo Cavina, Antonio Lucchini, Biagio Molina, William Pallanti, Edgardo Ridolfi, Mario Romeo, Antonio Zoli, Luigi Zoli. Insieme a loro, il pensiero è andato a tutte le persone che persero la vita durante i conflitti mondiali del Novecento e alle sofferenze delle famiglie e dei territori. “Qui – recita l’epigrafe sul monumento che sorge sul ciglio di via del Cippo nei pressi di via Cervese – al di sopra delle bandiere, delle razze, delle fedi, affratellati dalla morte, caddero perché la libertà patrimonio degli uomini e dei popoli illuminasse il volto rinnovato della Patria”. Nell’occasione è stato annunciato che sono in corso le procedure tecniche, con il confronto con la Soprintendenza ai beni culturali, per provvedere alla riqualificazione delle scritte usurate dal tempo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui