Forlì, “Un’altra storia” tutela giovani e persone fragili

Tutelare i giovani, i minori, le persone più svantaggiate e deboli. Con questi scopi è nata il 15 gennaio 2018 l’associazione di promozione sociale “Un’altra storia” che con i suoi progetti sta riscuotendo successi soprattutto con le scuole, ma non solo. Tematiche di attualità che spesso si intrecciano con fatti di cronaca. «L’associazione nasce da un’esigenza prima di tutto mia personale ­ spiega la presidente Valentina Vimari – Organizzavo eventi per i ragazzi e le tematiche trattate erano principalmente legate al bullismo e al cyberbullismo. Il giornalista Luca Pagliari col quale collaboravo mi ha detto che c’era la possibilità di fare un progetto con l’Autorità garante dei minori, che ha sede a Roma, legata al cyberbullismo. A quel punto ho fondato l’associazione con altre sei socie: Serenella Vasini, Luciana Pesci, Genny Cangini, Chiara Boschi, Denisa Bruschi, Alice Vichi. Così nel giro di un mese è nata “Un altra storia”, con già un progetto importante legato al bullismo e al cyberbullismo in compagnia della Garante dei minori. Con “Offline, la vita oltre lo schermo” abbiamo incontrato 7mila ragazzi in tutta Italia. Un progetto importante perché non si esaurisce in una mattinata di incontro, ma possiamo pensare di essere più vicini ai giovani anche in seguito, con professionisti che li possano seguire se manifestano disagi. Ad esempio con Flavia Rizza (ragazza di Ostia che è stata vittima di bullismo, ndr) che è stata la prima testimonial di “Cuori connessi” si è instaurato un bel rapporto. Per i ragazzi avere un confronto con chi ci è passato è positivo. Abbiamo anche incontrato le famiglie di alcuni ragazzi: sulla sicurezza stradale abbiamo fatto un incontro al “Fabbri” al quale hanno partecipato i genitori di un 15enne morto in un incidente i quali ci hanno detto grazie “perchè la morte di nostro figlio non è andata vana se qui ci sono 700 studenti e ad uno o due scatta qualcosa, vuol dire salvare delle vite”».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui