Foto: Fabio Blaco

Pochissime sanzioni sul fronte Covid, ma controlli serrati sulle strade dove purtroppo sono tornati protagonisti gli incidenti. Con la fine del lockdown e la ripresa delle attività economiche sono ripartiti anche i controlli della polizia locale per tenere alta l’attenzione sulle norme preventive anti-covid: mascherine, distanziamento e niente assembramenti. Un fronte sul quale i cittadini sembrano avere recepito il messaggio e dove il rispetto delle regole è quasi unanime. Ma a fronte della buona notizia c’è la preoccupazione per l’incremento degli incidenti stradali da quando il traffico è tornato alla normalità.
«Per quanto riguarda il rispetto delle norme anti-Covid i controlli li abbiamo fatti anche nel fine settimana scorso e nel ponte del 2 giugno. Li ripeteremo anche il prossimo weekend, siamo concentrati soprattutto sul venerdì sera, giorno nel quale rafforziamo i servizi con più pattuglie e con percorsi appiedati nel centro storico cittadino – afferma il vice comandante della polizia locale Andrea Gualtieri – e abbiamo riscontrato che pur essendo abbastanza popolato per via dei vari locali, ristoranti o bar, c’è il rispetto delle normative, l’uso della mascherina e soprattutto il rispetto del distanziamento. Non abbiamo riscontrato assembramenti e non c’è stato bisogno di fare sanzioni. L’altra grande attenzione è sulle aree verdi e sui parchi – prosegue Gualtieri – dalla fase 2 abbiamo potenziato i servizi con pattuglie in bicicletta per essere efficaci e vicini alle persone anche con dei consigli. Nei parchi abbiamo fatto alcune contravvenzioni per mancanza del distanziamento sociale e soprattutto perché abbiamo trovato persone adulte che giocavano o a calcetto o a pallavolo, attività non consentite, poiché si possono fare solo sport individuali. Domenica abbiamo fatto dei controlli anche su altri territori con il supporto dei volontari della protezione civile: al mercato di Civitella, a Premilcuore, nelle attività in in piazza Matteotti a Santa Sofia, mentre nella Valle del Bidente abbiamo controllato i punti più frequentati dai motociclisti, come il Passo della Calla e Campigna».
Ed è proprio sul fronte stradale che le forze di polizia sono tornate a concentrarsi. «Dal prossimo fine settimana faremo dei controlli anche sulla via Firenze, quella che porta al Muraglione visto che ora ci si può spostare da una regione all’altra – spiega Gualtieri -. Il 2 giugno il traffico era intenso anche verso il mare. Automobilisti e motociclisti hanno ripreso a spostarsi in massa, andiamo quindi a potenziare e a rafforzare i controlli nelle direttrici della montagna e del mare per fare prevenzione. Le nostre colline sono frequentate dagli appassionati di moto, crescono i pericoli e ora non ci sono più limitazioni per gli spostamenti quindi dobbiamo concentrarci su quello oltre che sulle norme anti-Covid».

Argomenti:

coronavirus

incidenti

strade

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *