FORLI’. A Santo Stefano, come da tradizione, il Villa Romiti ha ospitato il “Concerto di Natale”, giunto alla ventesima edizione. Il concerto è stato come ogni anno organizzato da volontari della Comunità Parrocchiale  (Santa Maria del Voto e oratorio San Filippo Neri ) in collaborazione con il Comitato di Quartiere Romiti e con il patrocinio del Comune di Forlì. Un evento arrivato alla ventesima edizione. La performance degli artisti è stata molto apprezzati ed applaudita dal numeroso pubblico presente (oltre 1300 le presenze ), coinvolgendo i partecipanti che si sono lasciati avvolgere da melodie e voci davvero mirabili. Gli organizzatori hanno espresso soddisfazione “per quello che nel tempo è stato seminato e che sperano di portare avanti. Una parola magica per questo concerto è amicizia e solidarietà”.Da diversi anni parte del ricavato (offerte libere) viene devoluto a sostegno delle opere missionarie in Venezuela dove don Marcello Vandi è impegnato con altri missionari nella lotta alla povertà, nel lavoro educativo con i bambini delle Favelas di Carupano. Un’altra parte è destinata ad enti del territorio o della città. Protagonisti artisti di livello Nazionale e Internazionale, ma anche giovani talentuosi all’inizio del loro cammino musicale (giovani cantanti musicisti dell’Istituto Musicale Angelo Masini di Forlì e di altre scuole Musicali del territorio mercuriale). Un programma orecchiabile e popolare, ma che strizza l’occhio all’opera. L’allestimento del Palazzetto è stato realizzato dai volontari con un particolare coinvolgimento dei giovani. Hanno partecipato il soprano Cristiano Scilla, il mezzosoprano Claudia Marchi, il tenore Alessandro Goldoni, la corale “Quadrivium” diretti dal Maestro Paola Del Verme, i Maestri dell’Accademia Malatestiana (pianoforte Pierluigi Di Tella), James Vallicelli, l’Orchestra dell’Istituto Musicale “Masini) diretto dal Maestro Fausto Fiorentini e la Scuola Danza Accademia “Cecchetti Asd” Ravenna, diretta da Michela Bulgarelli.

Argomenti:

Forlì

Romiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *