Forlì, gli studenti dello Scientifico ospiti dell’università di Oxford

Forlì, gli studenti dello Scientifico ospiti dell'università di Oxford
Viaggio in Inghilterra per gli studenti forlivesi

FORLI’. Gli studenti del Liceo Scientifico Fulcieri Paulucci di Calboli hanno incontrato il professor Marcus Du Sautoy presso il Mathematical Institute della prestigiosa Università britannica di Oxford.  Il progetto è nato quasi per caso durante le ore di matematica dello scorso anno scolastico, quando il professor Alessandro Ugolini ha arricchito la normale programmazione delle attuali classi 5A e 5H con un modulo di “storia della matematica”, la cui base è stata la visione dei video realizzati per la BBC dallo stesso Du Sautoy, docente presso la Oxford University, scrittore e divulgatore, nonchè membro della Royal Society. Visto l’entusiasmo e l’interesse per l’iniziativa, Ugolini, docente precario, aveva promesso ai ragazzi che in caso di un nuovo incarico presso il Liceo Fulcieri avrebbe cercato di contattare Du Sautoy per chiedere un incontro, ben sapendo che probabilmente sarebbe stato un tentativo vano, vista la fama di cui gode e i suoi numerosissimi impegni in tutto il mondo. E così a settembre, quando il ritorno al Fulcieri si è concretizzato, anche la promessa mail è partita in direzione Regno Unito. Sorprendentemente, non solo il matematico britannico ha risposto, ma ha anche invitato il professor Ugolini e i suoi studenti all’Andrew Wiles Building di Oxford per una lezione. Lo scorso 10 dicembre quindi gli studenti delle due classi hanno varcato i cancelli della prestigiosa Università ed hanno partecipato ad una lezione-dibattito del prof. Du Sautoy sull’intelligenza artificiale e sul ruolo della matematica nello sviluppo delle tematiche ad essa legate. Il viaggio della 5A e della 5H è poi proseguito nei giorni seguenti a Londra e a Bletchley Park, il sito in cui durante la Seconda Guerra Mondiale venne decriptato il codice nazista della macchina Enigma. L’opera del grande matematico Alan Turing e le sue macchine furono elementi decisivi per la vittoria degli Alleati, nonchè precursori dei moderni computer e di quella materia che oggi chiamiamo informatica.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *