Forlì, semaforo verde per le medie strutture di vendita

Nel rispetto delle norme di sicurezza, si può lavorare. A Forlì arriva il semaforo verde per le medie strutture di vendita di Viale Roma – Via Campo di Marte; Via Ravegnana – Via Don Servadei – Via Gramellini; Via Corbari e Via Curiel che, già a partire da sabato 19 dicembre, potranno riaprire nelle giornate festive e prefestive.

“Com’è noto – spiega l’assessora con delega alle attività produttive Paola Casara – con l’adozione del DCPM del 3 dicembre 2020 e il contestuale superamento dell’ultima ordinanza regionale veniva disposta, nelle giornate festive e prefestive, la chiusura degli esercizi commerciali presenti all’interno di tutti i centri commerciali, gallerie, ed altre strutture assimilabili, ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole. Questa decisione, anche nella nostra città, ha suscitato le legittime contestazioni dei titolari dei negozi ubicati all’interno dei poli commerciali come quello di via Curiel i quali, per volontà del legislatore nazionale, venivano messi sullo stesso piano di strutture di vendita molto più ampie e articolate. La giusta e comprensibile amarezza di queste persone ha accelerato il nostro percorso di approfondimento legislativo e la ricerca di una soluzione condivisa che fosse in grado di coniugare la tutela della salute pubblica con la riapertura, in sicurezza, di queste particolare attività. Una soluzione che ha visto anche il coinvolgimento finale delle associazioni di categoria e il loro trasversale entusiasmo. L’analisi tecnica effettuata dal nostro Servizio Sviluppo economico, d’intesa con il Servizio Urbanistica ed Edilizia privata, ha infine consentito di escludere dalla definizione di “aggregazione di esercizi commerciali” le medie strutture di vendita, di cui al vigente RUE comunale, di Viale Roma – Via Campo di Marte, Via Ravegnana – Via Don Servadei – Via Gramellini, Via Corbari, Via Curiel. In questo modo” – conclude il Sindaco Gian Luca Zattini – “tutti i singoli esercizi commerciali funzionalmente autonomi, ossia dotati di accessi separati, collocati nell’ambito di queste strutture si considerano esentati dall’attuale obbligo di chiusura festiva e prefestiva. Si tratta di una notizia che condividiamo con gioia con tutta la città perché rappresenta una boccata d’ossigeno per l’economia locale e testimonia, ancora una volta, la volontà di questa Giunta di trovare soluzioni rapide e snelle per sostenere chi investe, lavora e produce nel nostro territorio”.

Il plauso delle associazioni

Confesercenti e Confcommercio, di Forlì, in una nota, esprimono grande soddisfazione per il lavoro svolto dall’Amministrazione comunale forlivese e dagli uffici tecnici competenti che ha portato al superamento di una grave contraddizione generata in prima battuta  dall’ ultima Ordinanza Regionale del 27 novembre scorso, ripresa successivamente nell’ultimo DPCM del 3 dicembre scorso, che impediva nei fatti alle attività commerciali presenti nelle Gallerie e Parchi Commerciali a cielo aperto cittadini di svolgere la propria attività, nelle giornate festive e prefestive. Una misura che entrambe le Organizzazioni hanno da subito contrastato e contestato sia a livello nazionale che locale, ben consapevoli di quali e quanti disagi, nel periodo pre-natalizio e in un momento di enorme difficoltà economica, avrebbe provocato agli imprenditori interessati.Ora, alla luce di questa importante decisone della Amministrazione comunale forlivese, ribadiamo la nostra soddisfazione auspicando che la stessa vada a fare chiarezza al riguardo, non solo per questo ultimo periodo di avvicinamento al Natale, ma in maniera definitiva ed incontrovertibile anche per il futuro di un settore che sarà, purtroppo, ancora soggetto a provvedimenti nazionali e/o regionali causati dalla emergenza sanitaria in corso.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui