Forlì, risiedeva in Argentina ma prendeva il reddito di cittadinanza: la Finanza lo scopre

I finanzieri del Comando Provinciale di Forlì, hanno scoperto due nuclei familiari che illecitamente hanno ottenuto il sussidio economico del “Reddito di Cittadinanza”. Nel dettaglio, le Fiamme Gialle, attraverso una mirata attività di intelligence con l’ausilio delle banche dati in uso al Corpo ed in sinergia e collaborazione con l’INPS, hanno approfondito la posizione reddituale e patrimoniale di diversi soggetti residenti nel forlivese che hanno dichiarato nelle rispettive autocertificazioni dati non rispondenti al vero, percependo, in tal modo, un Reddito di Cittadinanza complessivo pari a oltre 7.000 euro.
L’attività ispettiva ha consentito, in un caso, di scoprire l’incompletezza della dichiarazione della composizione di un nucleo familiare finalizzata ad omettere una fonte di reddito e, nell’altro, di individuare un soggetto che, seppur residente in Argentina negli ultimi due anni antecedenti l’istanza di concessione, grazie all’indicazione della costante presenza in Italia è stato ammesso a beneficiare della misura economica di sostegno.
I due soggetti sono stati denunciati alla locale Procura della Repubblica per aver prodotto documenti attestanti fatti e circostanze non vere, al fine di ottenere indebitamente la misura economica del Reddito di Cittadinanza. Ora rischiano la reclusione fino a un massimo di sei anni e dovranno restituire le somme percepite, in quanto è stato attivato l’INPS per la revoca della concessione del beneficio e il recupero di quanto indebitamente erogato.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui