FORLÌ. Il rilancio di Fieravicola prende forma. Nuova location, nuova società di gestione, respiro internazionale sono i pilastri al centro della presentazione che è avvenuta ieri mattina in una gremita sala Borsa Avicunicola di Forlì, alla presenza degli operatori e delle associazioni del settore.
Un momento importante per raccogliere idee, presentare proposte, condividere strategie per il rilancio dell’appuntamento fieristico in programma nel 2021, che si propone un duplice obiettivo: realizzare una grande fiera di respiro internazionale, che diventi la vetrina della filiera avicunicola italiana nel mondo e costruire un grande polo romagnolo dell’agribusiness grazie alla messa in rete di due fiere specializzate (Macfrut e Fieravicola) in programma nella stessa data, capaci di attrarre espositori e visitatori da tutto il mondo.

Fieravicola rimarrà una manifestazione completamente autonoma, a cadenza biennale. La prossima edizione, la 52esima, ma la prima 2.0, è fissata per il 4, 5 e 6 Maggio 2021 a Rimini. Fieravicola verrà gestita da una nuova società che vedrà la presenza, oltre che di Italian Exibition Group in qualità di socio di maggioranza, di Fiera Forlì, di Cesena Fiera e, si auspica, anche delle associazioni del settore. Il modello di riferimento per il rilancio è Macfrut, evento fieristico che a Cesena aveva perso le caratteristiche di fiera internazionale per diventare un punto di incontro della filiera italiana e che, grazie allo spostamento a Rimini nel 2014, ha trovato nuovo slancio e un grande sviluppo. I legami di Fieravicola con Forlì rimarranno molto stretti sia per quanto riguarda i rapporti con il settore sia per i contenuti.

«Italian Exhibition Group ha da tempo la lente di ingrandimento sul settore avicunicolo e su Fieravicola – afferma Lorenzo Cagnoni Presidente IEG – e considera da sempre una mission quella della valorizzazione e dell’internazionalizzazione delle eccellenze dei distretti industriali del territorio romagnolo. Per questo si è fatta promotrice e ha deciso di investire fortemente per il rilancio della manifestazione».
«Il Comune di Forlì ha scelto responsabilmente di cedere il filone di Fieravicola ai partner riminesi di Italian Exibition Group – sottolinea il sindaco Gian Luca Zattini – con l’intento di perseguire un unico prezioso obiettivo: salvaguardare e potenziare la filiera avicunicola di tutta la Romagna. Forlì continuerà a fare la sua parte».

Argomenti:

fieravicola

Forlì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *