Forlì “Prezzi alimentari su del 3.5%, si compra solo il necessario”

Il rialzo dei prezzi pesa sulle tasche delle famiglie forlivesi, questo ormai è un dato di fatto. Da un lato il Governo vara misure come il bonus da 200 euro e proroga il taglio delle accise sui carburati, dall’altro l’inflazione, ormai arrivata al 6%, sta cambiando le abitudini alimentari dei forlivesi. Ad oggi, infatti, si stima che un prodotto alimentare abbia registrato mediamente un aumento del +3,5%. Come saranno quindi gli acquisti dei forlivesi che vogliono difendere la propria tavola dall’onda dei rincari? «I cittadini, con l’inflazione alle stelle, hanno sempre meno risorse da dedicare ai consumi e questo è un dato di fatto – spiega Alberto Zattini, direttore di Confcommercio –. Per cui si farà un ricorso maggiore alle promozioni e si andrà a caccia del miglior prezzo».

Non solo, il consumatore sarà sempre più attento. «Molti forlivesi fronteggeranno il carovita acquistando meno e più consapevolmente. In particolare si farà attenzione a ridurre gli sprechi, specialmente nel prodotto fresco. Se si fa un giro nei piccoli negozi, come può essere una macelleria o una frutta e verdura, si può già constatare che il consumatore compra ormai solo lo stretto necessario. E questa tecnica la stanno adottando anche le imprese, soprattutto i pubblici esercizi e quelle legate al mondo della ristorazione». Una situazione che preoccupa l’associazione di categoria, in vista dell’autunno. «Sono i mesi a venire che spaventano, quando l’Istat ha stimato che l’inflazione arriverà fino al 9-10% – conclude Zattini –. Il bonus aiuta tutti e qualsiasi sostegno a fondo perduto per famiglie e imprese è un bene, ma si tratta di una goccia in mezzo al mare. Bisognerebbe intervenire sul cuneo fiscale, perché in questo momento c’è una tassazione che strangola attività e cittadini».
Il riferimento è proprio al bonus introdotto con il decreto di lunedì scorso, ovvero 200 euro uno a tantum per pensionati e lavoratori dipendenti con reddito fino a 35mila euro. «Si tratta di un’azione che tende ad alleviare una situazione difficile e che è fine a se stessa – precisa Fabio Lucchi di Confesercenti –. Il bonus non va sottovalutato, ma servirà per coprire i costi con cui le famiglie devono fare i conti visto l’aumento dei prezzi e certamente non andrà ad incidere sui consumi, per i quali servono soluzioni più strutturate. Tutto ciò non è risolutivo».

E’ stata prorogata fino all’8 luglio anche la riduzione, pari a 30 centesimi, delle accise sui carburanti. Non è marzo quando il prezzo medio della benzina, ma anche del gasolio, è schizzato oltre i 2 euro come effetto dei rincari dei mercati legati al conflitto in Ucraina. Nonostante la misura, ieri i forlivesi non hanno visto i pannelli dei prezzi del carburante scendere ulteriormente, anzi sono rimasti pressoché identici ai giorni precedenti. «L’effetto del decreto in realtà lo stiamo già vedendo da alcune settimane – conclude Lucchi –. I prezzi di oggi sono già il frutto del taglio delle accise. Per quanto ci possano sembrare uguali o ancora alti, non è che non vengono tolti i 30 centesimi ma tutto dipende dal che la materia prima, il petrolio, ha in questo preciso momento».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui