Forlì, prevenzione oncologica e locali più accoglienti

Un intervento di ristrutturazione complessivo di circa un anno ha restituito all’ospedale Morgagni una sede rinnovata dell’Unità operativa di prevenzione oncologica. Collocata in una porzione di 1.200 metri quadrati nel piano seminterrato dello storico padiglione Vallisneri, il reparto è stato completamente rivisitato con un progetto che ha interessato l’area dei locali dedicati alla diagnostica delle pazienti, inclusi i servizi di accoglienza, segreteria, studi medici e ambulatori, per un investimento di 600 mila euro più Iva.

Ambienti più accoglienti

«I locali sono nuovi e già in funzione ma in Romagna si fa prevenzione oncologica dal 1970 – afferma il direttore dell’unità, Fabio Falcini –. Proprio la prevenzione rappresenta lo snodo tra ospedale e territorio. La donna entra nel reparto con un carico emotivo di preoccupazioni e per questo abbiamo pensato al progetto di umanizzazione pittorica degli ambienti, proprio con l’intento di rendere accogliente e confortevole un luogo che notoriamente è connotato da timori e sofferenze. Il progetto di ristrutturazione degli spazi in chiave umanistica nasce esattamente da questa idea: creare un ambiente che possa alleggerire lo stato d’animo e insieme alla presenza dei volontari Virgilio, accompagnare la donna nel suo cammino di prevenzione e cura». Un’operazione che è stata possibile proprio grazie alla collaborazione e all’integrazione delle tre associazioni che vi operano all’interno. Al costo dei lavori, infatti, vanno aggiunti ulteriori 16 mila euro per l’intervento di umanizzazione delle pareti e del soffitto, reso possibile grazie al sostegno di Lilt ed Alive ed altri 15 mila euro, messi a disposizione dallo Ior, per l’acquisto di nuove sedute per le sale d’attesa ed altri arredi. «Questa è un’ulteriore tappa di qualificazione dei servizi – sottolinea il direttore generale dell’Ausl Romagna, Tiziano Carradori -, oltre che ad essere un esempio concreto di integrazione tra diverse realtà e competenze».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui