FORLI’. “Bisogna muovere il bene”,  è questo il messaggio che invia a tutti la sigorra Gardini Roberta, dopo aver donato al Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) dell’ospedale “Morgagni – Pierantoni” di Forlì, diretto dal dottor Nazario Santolini,  attrezzature indispensabili alla gestione clinico-organizzativa del reparto. Perché è importante donare, ma più importante è creare una cultura di solidarietà e di cura del bene comune.In particolare, dalla generosità della signora Gardini, è giunto al SPDC di Forlì un presidio che, posto al polso dell’assistito, permette di “registrare l’architettura delle fasi del sonno”. Il  tracciato viene scaricato mediante un’apposita applicazione, consentendo così di modulare il percorso terapeutico assistenziale del paziente, rendendolo sempre più personalizzato. Il secondo strumento donato è invece  un “distruggidocumenti”,  che permetterà di ottemperare alle indicazioni del decreto sulla Privacy n.101/18, noto come GDPR. “Tutta l’équipe medico-infermieristica del reparto – spiega Liliana Guerra – coordinatrice infermieristica del SPDC –  ringrazia la signora Gardini e la sua famiglia, sottolineando che tali attrezzature contribuiranno al miglioramento della presa in carico dei propri assistiti.”

Argomenti:

donazione

Forlì

ospedale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *