Forlì, morto Vidmer Valbonesi, simbolo della comunità repubblicana

E’ morto a 72 anni Vidmer Valbonesi, punto di riferimento della vita politica della città di Forlì. “La comunità Repubblicana è in lutto per la scomparsa di Vidmer Valbonesi – si legge in una nota – ai nostri amici mazziniani che lo piangono sentimenti di affettuosa vicinanza”.

Valbonesi era nato a San Zaccaria, per poi sposarsi a Cesena. Partito come segretario della Federazione Giovanile Repubblicana di Ravenna, era poi diventato segretario della Consociazione Forlivese del Pri, segretario regionale del Pri (dal 2001 al 2009) e fino alla morte ha ricoperto la carica vice segretario nazionale del Pri. Appena 10 giorni fa è stato relatore al 50º Congresso Nazionale del Partito Repubblicano Italiano, a Roma. A Forlì è stato consigliere comunale per 15 anni poi consigliere provinciale per 5 anni.

Il cordoglio del Pri di Cesena

Così il Pri cesenate in una nota a firma di Romano Fabbri: “I Repubblicani di Cesena piangono la scomparsa dell’amico Vidmer Valbonesi.  Il PRI perde  un dirigente politico preparato, coerente, colto. Ricordiamo l’impegno costante per la nostra Romagna, la coerenza, la determinazione, ma soprattutto il suo modo di fare che l’ha portato a essere per tanti di noi un riferimento politico con cui dissentire o condividere proposte mai banali. Ha militato da sempre nel PRI,  segretario regionale, segretario della consociazione forlivese, consigliere comunale ,consigliere provinciale, membro della direzione nazionale attualmente  vice segretario nazionale, scrittore, giornalista, poeta.
  Si è battuto per il territorio con varie pubblicazioni di estrema attualità . Ci piace ricordare di Vidmer politico la pubblicazione del 2013  “Quale Romagna? Tra l’utopia della Regione autonoma e il Provincione senza risorse e deleghe la vera soluzione è la città metropolitana “ . Di Vidmer poeta l’essenza del suo amore per la sua terra, la poesia “Romagna” : “Se il Paradiso esiste è qui in Romagna. …Le piazze, le vie onorano i martiri del Risorgimento, ricordano la storia. Nei circoli dell’Edera in ogni borgo si educa ancora il senso del dovere. Per questo io ti amo , mia Romagna”. Una militanza lunghissima e un impegno che può essere preso a esempio in particolare dalle giovani leve. Vidmer lascia un grande vuoto certamente dal punto di vista politico. E in questo momento il pensiero, l’affetto e la vicinanza miei e di tutto il partito di Cesena vanno alla sua famiglia”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui