Forlì, morto il pittore Pier Claudio Pantieri: aveva 95 anni

All’età di 95 anni è morto il pittore Pier Claudio Pantieri. Diplomatosi all’Istituto d’Arte per la Ceramica di Faenza, sotto la guida di Angelo Biancini, Pier Claudio Pantieri si dedica inizialmente alla ceramica e alla fine degli anni Quaranta apre un proprio laboratorio a Forlì. Sull’onda del picassismo dominante in quegli anni anche in campo ceramico realizza pezzi unici di stampo primitivista che espone in Italia e all’estero. Opera anche come mosaicista. Soggiorna a Parigi e a Colonia. Nel 1954 espone ceramiche e dipinti alla Galleria d’Arte Totti di Milano e nel 1960 tiene una importante mostra personale alla Galleria Paul Ambroise di Parigi. Negli anni Cinquanta è particolarmente attratto dall’opera di Maceo Casadei e poi da soggetti cari alla militante pittura neorealista. A partire dagli anni Sessanta si dedica a ricerche, anche informali, e alla messa a punto di una cifra personale, rapida e scattante, che ha per soggetto icone del mondo romagnolo e in particolare animali simbolici come il gallo.

Il cordoglio del sindaco

In una nota, il sindaco Zattini. “A nome dell’Amministrazione comunale di Forlì, mi unisco al cordoglio per la scomparsa del maestro Pier Claudio Pantieri, grande pittore, ceramista e artista di rango internazionale. A lui ero legato da una profonda e duratura amicizia grazie alla quale avevo avuto il privilegio di apprezzare anche le altissime qualità umane di una persona ricca di valori”.

Il Comune stava preparando insieme a lui un grande evento espositivo antologico, capace di ripercorrere la lunga e prestigiosa carriera che dalla Romagna lo aveva portato a misurarsi con palcoscenici di livello mondiale, mostrando opere in Esposizioni e gallerie da Milano a Roma, da Parigi a New York. Pantieri affiancava alla solida preparazione e alle affinate capacità tecniche, un estro unico e una indomabile volontà creativa che lo ha sempre portato, fino agli ultimi tempi, a confrontarsi con la ricerca, con i protagonisti delle avanguardie e con un “nuovo” da scoprire. La sua sensibilità esclusiva gli ha permesso pure di riuscire a declinare nell’attualità i simboli della tradizione, a cominciare dai fantastici “galli”. Alle figlie, alla compagna e ai familiari giungano i sentimenti di stima e di riconoscenza da parte della Città di Forlì. In questo triste momento, l’Amministrazione comunale partecipa al lutto stringendosi, nel dolore, ai colleghi, agli amici e ai tantissimi estimatori del nostro, amatissimo, Pier Claudio Pantieri”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui