Forlì, la protesta dei tassisti

Quella dei tassisti è una della categorie più colpite dalla crisi legata all’emergenza Covid-19 e , nonostante le misure introdotte con il passaggio in zona gialla, sta riemergendo la situazione disperata attraversata durante tutti questi mesi di pandemia. Le città sono sempre più deserte e, tra smart working e coprifuoco, i clienti che usufruiscono del servizio taxi sono sempre meno. E l’urlo dei lavoratori di categoria che lamentano una “situazione insostenibile” e che oggi si sono dati appuntamento a Bologna per manifestare. «Fino ad ora non abbiamo mai manifestato, anzi si è cercato di garantire sempre il servizio nonostante comunque le nostre corse siano ridotte, adesso del 50% contro l’80% in meno del periodo del lockdown – spiega Gabriele Bacchi del Consorzio Radio Taxi che conta ben 20 tassisti forlivesi –. Oggi qualcuno di noi si mobiliterà e speriamo che con le riaperture qualcosa inizi a muoversi. In tutto questo periodo nemmeno un sostegno o un ringraziamento ci è stato mai garantito».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui