Forlì, la Cierre Imbottiti festeggia i 50 anni al Salone del mobile

Oggi a Milano apre i battenti il Salone del mobile, dove non mancano gli espositori forlivesi di un settore che in terra romagnola ha ottimi numeri.

Tra i top brand dal made in Italy presenti al Salone milanese c’è la Cierre Imbottiti. Ha il suo quartier generale a Villa Selva e presenze da record nell’export di arredo prodotto in Italia: quello di Cierre infatti è un nome noto oltre che in Europa anche in America, Asia, Africa, Oceania. Un fatturato da più di 10 milioni di euro stando ai dati del 2020.

Raggiungiamo Alberto Conficconi al telefono, presente al Salone in veste di vice-presidente e Cfo dell’impresa nata nel 1972, fondata dal padre Romano Conficconi insieme alla moglie Cesarina: «Per noi questo è un Salone particolarmente importante – racconta Alberto Conficconi – perché questa è una fiera non solo di attesa dopo due anni in cui è accaduto tutto quello che sappiamo ma è anche l’occasione per festeggiare i 50 anni di attività. È un momento significativo che ci fa soffermare su quello che in questi anni abbiamo costruito, per l’occasione abbiamo realizzato riedizioni di prodotti storici e presentiamo tantissime novità illustrate in un catalogo di 500 pagine, che non è solo un catalogo ma è un libro che racconta la nostra storia. Questo anniversario celebrato qui al Salone vede anche la presenza di tre architetti nuovi e la manifestazione del ricambio generazionale in atto. Io e mio fratello Stefano siamo alla seconda generazione e in azienda sono già presenti le figure della terza». Gianmaria Conficconi e Leonardo Giovannetti sono rispettivamente il general manager e il production manager dell’azienda, le risorse appunto della generazione più giovane: il primo è coinvolto nel reparto creativo, il secondo nella progettazione. Tra i tanti prodotti selezionati e presentati al Salone c’è il divano modulare Tab disegnato proprio da Stefano Conficconi, presidente del consiglio di amministrazione. Un prodotto delineato da una modernità che lancia uno sguardo agli anni ’70 e che ben esprime il percorso tra passato e futuro di Cierre, caratterizzato da uno stile elegante e lineare, senza eccessi.

Da oggi al 12 giugno alla Fiera Milano Rho sono presenti oltre 2.000 espositori, di cui il 25% stranieri, che occupano tutti i 20 padiglioni del polo fieristico.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui