Forlì, “intrappolato nel sottopassaggio, eppure l’auto prima di me era passata”

Da asfalto che era, la strada si è trasformata improvvisamente in un fiume in piena. Ieri mattina, poco prima delle 8, il sottopassaggio di via Edison è stato invaso dall’acqua piovuta dal cielo. Cento metri di galleria diventati improvvisamente una “piscina di pioggia” che ha intrappolato due veicoli che tentavano di attraversare il passaggio in corrispondenza della tangenziale. In soccorso degli automobilisti, usciti illesi dalla tempesta, i Vigili del fuoco fluviali a bordo di gommoni da rafting. Per recuperare le automobili, una Bmw e un’Audi, i pompieri hanno dovuto impiegare la gru: l’unico strumento in grado di muovere i veicoli con il motore in panne e intrappolati dall’acqua.

«Credevo di farcela»

A vivere i momenti più drammatici della mattina bagnata da precipitazioni intensissime, durate dalle 7.20 fino alle 8.45 con tanto di raffiche di vento ed episodi di grandine, è stato l’automobilista alla guida dell’Audi che si è trovato letteralmente sovrastato da un’ondata quasi improvvisa nel sottopassaggio di via Edison. «La macchina prima di me è passata – racconta, infreddolito e con la paura ancora addosso, il 25enne suo malgrado protagonista di una disavventura che poteva trasformarsi in tragedia – ero convinto che anche se c’era già dell’acqua sarei riuscito ad attraversarlo anche io. Invece la macchina si è fermata a metà, ho tentato di farla ripartire ma non c’è stato modo». Immediatamente il ragazzo si è fiondato fuori dall’auto, approfittando dell’acqua ancora bassa, fino a metà portiera, e della pressione ancora non invincibile, tale da permettergli di aprire la porta. Lo stesso ha fatto il conducente della Bmw, fermatosi all’imbocco del sottopassaggio dietro l’Audi. Bagnati, infreddoliti e traumatizzati i due sono stati soccorsi dai sanitari della Croce rossa. Al loro arrivo, chiamati dagli automobilisti, i Vigili del fuoco hanno trovato un “fiume” alto al punto da lambire loro il torace: il 90% delle due auto era sommerso.

 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui