Forlì, il Sedicicorto si fa in quattro con 163 doc in gara

La 19ª edizione del “SediciCorto Forlì international film festival” si fa in quattro: e dal 6 al 15 ottobre proiezioni, workshop e mostre si terranno in luoghi diversi del centro di Forlì, sempre con la barra dritta comunque sui 163 “corti” proiettati alla Sala San Luigi, e alla ex chiesa di San Giacomo: «Una sede naturale per “SediciCorto” – commenta l’assessore alla Promozione culturale del Comune di Forlì, Valerio Melandri – una manifestazione di respiro internazionale che ci auguriamo di poter accogliere anche nella futura “Casa della Musica”».

«Come ogni anno – ricorda Gianluca Castellini, direttore artistico del festival – la selezione non è stata semplice, fra 3024 film inviati da 118 paesi. Alla fine però sono emersi i cortometraggi delle due sezioni fuori concorso e delle sette competitive a cui quest’anno si è aggiunta “Student” intitolata al ravennate Giannalberto Bendazzi, recentemente scomparso. Ogni giornata sarà introdotta da un breve concerto nello spazio prospiciente la ex chiesa di San Giacomo e ci saranno anche spettacoli di danza, del gruppo pirotecnico Lux Arcana, e la sabbia luminosa di Andrea De Simone, mentre la soprano Paola Tiraferri inaugurerà il festival cantando “Che cosa sono le nuvole?” di Domenico Modugno e scritta da Pasolini».

Diversi i premi assegnati, fra cui quelli alla carriera a Leo Gullotta e Massimo Foschi, e il Premio CinemaItaliano alla regista Laura Samani. Due le sezioni fuori concorso: “AnimainAula A” con la proiezione di film di autori russi e ucraini; in “Apollo”, dedicata invece a una sala forlivese storica, ci saranno oltre a “La piadina assassina” del 1998 e “Seven keys 7k”, opera pilota di una serie ideata da Laura Ferretti, due pellicole come “Italicus”, docufilm di Giampaolo Bernagozzi e Pierluigi Buganè del 1974, e “La ricotta” di Pier Paolo Pasolini. Al grande regista e scrittore sono dedicati il cinebook con Gabriella Maldini che presenta “Medea”, “Il Vangelo secondo Matteo” e “Accattone”, e la mostra di opere di artisti internazionali, realizzate con tecniche diverse: inaugurata oggi alle 17 alla Galleria Wundegrafik di via Leone Cobelli 34, vi rimane fino al 15 ottobre.

C’è attesa per film come “Roy” con David Bradley, uno dei protagonisti della saga su Harry Potter, e per le pellicole iraniane, ma anche per la sezione “CortoinLoco” che dal 2010 propone i migliori film realizzati in regione: 15 quelli in gara, di cui 7 forlivesi. Al circolo Aurora si terrà inoltre “Lapix”, workshop per operatori dell’animazione e game art, con Marco Regina, Max Narciso e Andrea Bertaccini. In streaming grazie a MyMovies, “SediciCorto” avrà anche un proprio canale poadcast curato da radio Flyweb.

Info: 347 2563211

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui