Forlì, il Rotary dona una panca vibrante a “Insieme per Crescere”

All’insegna del motto dell’annata 2020-2021 “Il Rotary crea opportunità” anche il Club di Forlì non ha rinunciato, pur con le limitazioni e le difficoltà della pandemia, a offrire una serie di service fra cui il progetto “Facciamo Centro” recentemente presentato a palazzo Albicini. Nei giorni scorsi un ulteriore service sul territorio è stato realizzato per aiutare l’assistenza di ragazzi autistici.

La consegna della panca vibrante

Una panca vibrante ad onde piane, infatti, è stata consegnata all’associazione “Insieme per Crescere” e servirà a supportare le attività di accoglienza e assistenza dei ragazzi affetti da autismo che sono seguiti dalla struttura che ha sede a Fratta Terme. La donazione è un service realizzato dai Rotary Club di Forlì, Cesena e Cesena Valle del Savio e alla consegna erano presenti i presidenti dei Club, fra cui l’ing. Massimo Amadio del sodalizio forlivese. Anche il Gruppo consorti del Rotary Club Forlì, coordinato da Genziana Bandini, ha dedicato il progetto dell’annata “Don’t stop them now” al sostegno di bambini affetti da autismo.

I Gruppi consorti dei Rotary Club dell’area Romagna (Forlì, Forlì Tre Valli, Cesena, Valle del Savio, Cervia-Cesenatico, Cesenatico Mare, e-club Romagna, Valle del Rubicone), il Rotaract Forlì e quello di Cesena hanno realizzato una raccolta di fondi che nelle scorse settimane sono stati devoluti all’associazione “Voce all’autismo” che tra Forlì, Cesena e Valle del Rubicone segue circa quaranta famiglie con bambini autistici. Recentemente a Palazzo Albicini vi è stata pure la presentazione delle proposte elaborate da studenti delle Università di Bologna e di Firenze per la riqualificazione del centro storico di Forlì nell’ambito del progetto “Facciamo Centro”, promosso dal Rotary Club Forlì per rilanciare, attraverso idee nuove e creativela funzionalità del cuore della città grazie a workshop multidisciplinari che hanno coinvolto studenti universitari e docenti che hanno visitato siti e luoghi del centro storico forlivese.

Nei giorni scorsi la Console Generale degli Stati Uniti d’America a Firenze, Ragini Gupta, in occasione della seconda tranche di finanziamento del progetto distrettuale di consegna di computer nelle scuole, grazie gli aiuti del Governo degli Stati Uniti elargiti attraverso l’Agenzia Usa per lo Sviluppo Internazionale (Usaid) alla Fondazione Rotary, ha fra l’altro affermato: «Nel 2019 il Consolato ha celebrato il suo 200° anniversario di presenza diplomatica a Firenze, rendendolo il secondo più antico istituto diplomatico statunitense ininterrotto in Italia (dopo quello di Napoli, fondato nel 1796). Il 13 aprile 2021 abbiamo celebrato il 160° anniversario della nascita delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Italia. La nostra partnership moderna è arricchita da innumerevoli obiettivi condivisi: superare insieme le minacce globali, come la pandemia del Covid-19, affrontare la minaccia esistenziale del cambiamento climatico, promuovere la democrazia e i diritti umani e molto di più. Il mondo è molto cambiato da quando abbiamo stabilito la nostra presenza diplomatica a Firenze nel 1819. Ma posso dirvi che una cosa che non è cambiata, e non cambierà, è il forte legame tra gli Stati Uniti e l’Italia. Gli Stati Uniti sono insieme all’Italia oggi, come tante volte in passato. Il nostro sostegno all’Italia durante la pandemia del Covid-19 include decine di milioni di dollari forniti dal governo degli Stati Uniti per il sistema sanitario e per l’assistenza umanitaria ed economica. Sono davvero fiera di questa partnership con il Rotary, perché il futuro dei ragazzi non aspetterà».

il Governatore del Distretto 2072, Adriano Maestri, ha affermato che «in queste prime due tranche di finanziamento si è privilegiato l’ambito istruzione» ribadendo che «la scuola è il luogo dove le disuguaglianze sociali emergono in modo più evidente. Per questo, come rotariani, abbiamo il dovere di offrire pari opportunità per l’inclusione nel sistema scolastico, in questo periodo dove sono in programma gli esami di maturità ma soprattutto negli anni a venire perché ormai l’uso dei computer per gli alunni sarà un supporto costante per la didattica e la formazione. Grazie al sostegno di Usaid il Rotary è in grado di consegnare agli istituti scolastici, personal computer dotati di software all’avanguardia». In una recente conviviale a Palazzo Albicini, introdotta dal presidente Amadio e dove è intervenuta anche la docente di Storia dell’Arte Serena Vernia, è stato ricordato a un anno dalla morte il socio e architetto Roberto Pistolesi che, fra l’altro, aveva curato il progetto di restauro conservativo della facciata della Basilica di San Mercuriale, realizzato grazie ad un service del Rotary Club Forlì in collaborazione con la parrocchia e la diocesi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui