Forlì, il feritore del padre non risponde al giudice

Si è avvalso della facoltà di non rispondere al giudice. Stefano Tozzi, il 51enne che ha ferito il padre con un coltello da cucina si è presentato davanti al giudice per le indagini preliminari Massimo De Paoli, ma ha preferito non parlare. Fabrizio Ragni, sua avvocato difensore ha presentato richiesta di arresti domiciliari, producendo la documentazione sanitaria delle prestazioni ricevute dal 51enne dal Centro di salute mentale di Ravenna. Stefano Tozzi, infatti, è residente nel Ravennate. La volontà difensiva è quella di sottoporre l’aggressore a una perizia per capire lo stato mentale al momento dell’episodio di giovedì sera

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui