Forlì, il Capodanno e gli animali da difendere: stop ai botti e ai fuochi d’artificio

Con l’avvicinarsi dell’ultimo dell’anno torna d’attualità il tema dei botti e dei fuochi d’artificio, un tema che da sempre divide i pareri. C’è chi il 31 dicembre non ne può fare a meno e vuole festeggiare la mezzanotte colorando il cielo o accendendo petardi, chi invece non li sopporta e ne farebbe volentieri a meno, anche per tutelare i nostri amici a 4 zampe.

Forlì e il regolamento di Polizia Urbana

Il Regolamento di polizia urbana e di civile convivenza vieta botti a Capodanno. Per questo non servirà un’apposita ordinanza comunale. «Anche in questa occasione – spiega il vicesindaco di Forlì Daniele Mezzacapo –, il nuovo Regolamento dimostra di essere uno strumento normativo efficace, solido e che evita la necessità di dover attivare misure straordinarie a tutela della sicurezza. L’impegno per la sicurezza, infatti, deve essere costante, non a spot. Come, ad esempio, nel caso di petardi, botti e dispositivi che provocano forti rumori. In occasione della festa di Capodanno, il pericolo che comportamenti sbagliati arrechino danni a persone e agli animali è sicuramente molto alto ma il rischio esiste tutti i giorni dell’anno ed è per questo che il documento normativo comunale ha reso permanente il divieto». L’articolo 5 prevede che è fatto divieto a chiunque, col proprio comportamento, di causare pericolo per l’incolumità delle persone, per le loro attività o la loro libera e tranquilla circolazione, di essere motivo di spavento o turbativa per le stesse, o di renderle vittime di molestie o disturbo. «L’ultimo incontro del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica – afferma l’avvocato Mezzacapo – ha affrontato il tema specifico e il nostro Regolamento è stato indicato come esempio, con l’auspicio che anche le altre amministrazioni civiche del territorio adottino un provvedimento simile per contrastare gli infortuni e i problemi dovuti ai forti rumori alle persone, agli animali e ai luoghi».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui