Forlì, i Messaggeri della ricerca pronti a ripartire

Sport è salute, ma può essere anche speranza e solidarietà. È da questa unione di termini con la stessa iniziale che può fondarsi un sogno: un mondo in cui il cancro si possa non solo contrastare, ma anche sconfiggere davvero. Per riuscirci la prevenzione e la ricerca devono andare a braccetto, bisogna favorire stili di vita sani e sostenere chi cerca nuove cure. Come l’Irst-Irccs di Meldola al cui fianco tornano a schierarsi i Messaggeri della Ricerca, un gruppo di appassionati di sport e di due ruote in particolare che, su impulso di Daniele Avolio e con l’appoggio e la vicinanza costante del professor Dino Amadori, diedero vita al progetto omonimo che, dopo lo stop causato dall’emergenza sanitaria, torna a luglio con la sua decima edizione.

Decimo viaggio di 10 tra uomini e donne che, sulle strade dello Stivale e incontrando al termine di ogni tappa i sindaci delle città di destinazione, porgono loro il messaggio più importante: combattere la malattia si può aiutando i medici e i 150 ricercatori che, nell’istituto di Meldola, hanno sviluppato negli anni «oltre 250 tra sperimentazioni cliniche, nuovi farmaci e trattamenti terapeutici» come spiega il suo direttore scientifico, Giovanni Martinelli. Un aiuto concreto perché dalla prima missione del 2012 sono stati raccolti, e donati, 10mila euro e quest’anno le somme cresceranno con il viaggio “sui sentieri della ricerca”, come recita lo slogan che si svilupperà in memoria di Dino Amadori sulle cosiddette “vette magiche”.

Due giorni, l’8 e il 9 luglio, per 95 chilometri e 3mila metri di dislivello, da percorrere in Val Gardena partendo da Selva e toccando Corvarta in Badia, Livinallongo del Col di Lana (ossia Arabba), Canazei.

Servizio sul Corriere in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui