Forlì, giovane band canta lo sforzo di medici e infermieri

FOLI’. Se da un lato la musica italiana si riunisce in un unico super show a distanza per raccogliere fondi a favore della Protezione Civile, il gruppo musicale forlivese Klinker è pronto a lanciare su tutte le piattaforme social e You Tube il nuovo singolo dal titolo “Grazie a quelli che”: un brano scritto e composto in casa, interamente dedicato a tutti gli operatori sanitari dell’ospedale Morgagni-Pierantoni che in questi giorni sono impegnati nell’emergenza coronavirus, i cui proventi verranno devoluti alla Pneumologia di Forlì. I Klinker non sono nuovi nel panorama musicale, sono un gruppo di quattro giovani amici (alla voce Giulio Fabbri; al basso Francesco Dalmonte; alla chitarra Kevin Raggi e alla batteria Riccardo Ravaioli) che si è costituito nel 2015. Il loro primo video dal titolo “Non mi inginocchio” ha raggiunto migliaia di visualizzazioni su You Tube. Lo scorso anno hanno partecipato a “Sanremo Rock”.
«Sin da subito abbiamo voluto distinguerci, volevamo scrivere pezzi nostri per comunicare un messaggio e far sentire il nostro punto di vista – dice il batterista, Riccardo Ravaioli -. Nel mese in corso era in programma l’uscita del nostro nuovo album, ma il Covid-19 ci ha bloccati e rimandato tutto a dopo la quarantena». Fermi sì, ma non del tutto almeno per quanto riguarda la parte artistica.
«Una volta sospesi impegni di studio e di lavoro, ci siamo confrontati e da qui è maturata l’idea – racconta ancora il batterista dei Klinker -. Tutti si adoperavano per aiuti e contributi, così noi nel nostro piccolo abbiamo deciso di comporre e scrivere il testo di un nuovo brano per confortare medici ed infermieri che oggi sono in corsia per far fronte all’emergenza».
La particolarità sta proprio nel fatto che, “Grazie a quelli che.. pensano a proteggere la città. Sono i soli che hanno l’arma per uccidere la bestia”, è stata prodotta in un modo del tutto singolare. Lo preannuncia il testo: «Accendo la tv e c’è il Premier che mi parla, dice stiamo tutti in casa guai a chi esce per la strada». E così ogni componente del gruppo, dopo diversi confronti, ha fatto la sua parte registrando da casa propria. «Abbiamo riscoperto la bellezza di sentirci nonostante la distanza – conclude Ravaioli -. Non è stato per nulla semplice produrre dalle nostre camere in mancanza di strumenti adeguati per registrare. Ma ci siamo divertiti e abbiamo inventato degli stratagemmi per avere un buon prodotto finale».
Il video (realizzato grazie al produttore Marco Versari, il musical coach Francesco Laghi e l’addetto alle foto e ai video Ettore Zito) è una sequenza di immagini realizzati in corsia dagli operatori sanitari dell’ospedale di Forlì. Il progetto ha riscontrato la sensibilità dell’Ausl che, in questi giorni, lo promuoverà attraverso la pagina del nosocomio forlivese. Nell’arco di qualche giorno “Grazie a quelli che” sarà disponibile su You Tube, nelle pagine Facebook e Instagram dei Klinker. Chi visualizza il nuovo brano ha la possibilità, attraverso un link, di collegarsi ad una piattaforma virtuale per effettuare una donazione. L’obbiettivo sono 5mila euro da donare alla Pneumologia di Forlì.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui