Francesco Aprigliano

FORLI’. Assolti sei anni e mezzo dopo la condanna in primo grado. L’Appello di Bologna ha ribaltato la sentenza ai danni di Francesco Aprigliano, ex consigliere comunale di Lega Nord prima e gruppo misto poi, e la moglie Anna Garufi, accusati insieme ad altri 9 imputati di bancarotta fraudolenta e usura, nell’ambito dell’inchiesta per il fallimento del gruppo che fa capo a Salvatore D’Elia, ex idraulico di Cassano allo Ionio, trasferitosi nel 1999 a Forlì per una rapida carriera come imprenditore del settore edile, finito però nei guai con la giustizia.
L’inchiesta, che ha visto parte attiva la Guardia di Finanza, è scattata dal fallimento della “Building & Service” e della “Immobiliare D’Elia” nell’agosto del 2006 ed ha poi preso forma in un milionario sequestro di beni dell’imprenditore nel 20 marzo 2008.

L’articolo nell’edizione di oggi del Corriere Romagna

Argomenti:

assoluzione

fallimento

Forlì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *