Forlì, Eleonora Benetti madrina del nuovo Auditorium

Il progetto di riqualificazione dell’ex Gil e la partnership ventennale siglata tra il comune di Forlì e CIA-Conad per realizzare la più grande e moderna casa della musica della Romagna sono finiti sotto i riflettori di Mediaset: martedì pomeriggio una troupe di Italia 1 ha varcato le porte del cantiere di Viale della Libertà per registrare un servizio che andrà in onda nelle prossime settimane durante Studio Aperto Mag., dopo l’edizione serale del telegiornale.

Il futuro Auditorium sarà caratterizzato da 420 posti a sedere e dotato di moderne strumentazioni domotiche, indici di acustica eccezionali e tecnologia massmediatica all’avanguardia. Il servizio è stato realizzato da Alessandro Mischi, giornalista forlivese di Mediaset: “Da forlivese, ritengo che questa sia davvero un’importante esperienza di successo e merita l’attenzione dei media nazionali. Questa amministrazione sta lavorando tanto e bene per Forlì, per la cultura e per la cittadinanza, e sono molto contento di poterne parlare”.

Il girato di Mediaset ha avuto come protagonista Eleonora Benetti, pianista e cantante lirica forlivese di fama internazionale, selezionata a soli nove anni dal musicista e compositore Michele Centonze per interpretare l’Inno Nazionale Italiano alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali di Torino nel 2006. Nel servizio è stata accompagnata al pianoforte dal Maestro Giuseppe Ottaviani.

L’assessore Valerio Melandri ha deciso di insignire Eleonora Benetti del titolo di Madrina dell’Auditorium Conad-Città di Forlì. Ruolo che non sarà riservato solo alla cantante forlivese, come annuncia l’assessore stesso: “Le madrine (e magari anche qualche padrino) di questo nuovo luogo della musica forlivese saranno delle figure importanti per il panorama musicale e culturale di Forlì: a loro la città deve tanto, noi vogliamo ringraziarle e premiarle con questo ruolo tanto simbolico quanto prestigioso”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui