Forlì, ecco le regole del Green Pass per i luoghi di cultura della città

Il  decreto legge 23 luglio 2021, n. 105 ha disposto, con decorrenza dal 6 agosto, l’obbligatorietà dell’esibizione della certificazione verde Covid-19 (Green Pass) per avere accesso a numerosi luoghi della cultura, compresi biblioteche, musei e mostre, ed eventi, inclusi gli spettacoli dal vivo sia all’aperto che al chiuso. La normativa, che non si applica a minori di 12 anni, prevede il possesso Green Pass rilasciato al fine di attestare una delle seguenti condizioni: a) avvenuta vaccinazione anti Sars-CoV-2, b) guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2, c) effettuazione di test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo, d) attestazione di esenzione sulla base di idonea certificazione medica.

All’ingresso dei Musei di San Domenico e Palazzo Romagnoli, della Biblioteca Saffi, dell’Arena San Domenico e della Fabbrica delle Candele, così come per gli eventi che si terranno in Piazza Saffi, un addetto provvederà a verificare tramite apposito dispositivo il QR-code presente sul certificato Green Pass e unitamente il documento di identità.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui