Forlì, debiti fuori bilancio: La Forgia riabilitato

Dopo quasi sei anni il caso dei debiti fuori bilancio per le spese legali del Comune di Forlì, sollevato dal Movimento 5 Stelle di Forlì e che aveva portato l’allora vicesindaca Veronica Zanetti a fare un esposto in Procura, si chiude con una vittoria, anche se amara, per Alessandro La Forgia, all’epoca dei fatti, vicesegretario generale, dirigente dell’ufficio legale e responsabile della trasparenza. Incarichi revocati proprio in seguito a quella vicenda, scoppiata a poco più di un anno dalla pensione del dirigente pubblico. La Corte di Appello di Bologna, infatti, ha accolto la richiesta di illegittimità di quei provvedimenti ordinando che a La Forgia vengano risarciti i soldi sottratti nella parte finale del suo lavoro per il minor stipendio percepito, oltre ad essere ricalcolati i conteggi per la pensione negli ultimi 5 anni. «Non è stato riconosciuto il danno di immagine e professionale – commenta La Forgia – ma almeno per la mia onorabilità sono soddisfatto». Il caso era scoppiato nel giugno 2015 quando venne sollevato il problema delle somme dovute ad alcuni legali per incarichi concessi dal Comune e non messi a bilancio. Una cifra di circa 1,4 milioni che assommava anni di cause nelle quali agli avvocati era dato un acconto, salvo poi attendere l’emissione della parcella per saldare. Se i legali non si facevano avanti, il Comune non pagava. Così nel corso degli anni si erano accumulate cifre ingenti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui