Forlì. Crescono i risparmi delle famiglie

Crescono risparmio e credito in provincia di Forlì. L’analisi è dell’Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini, con i dati della Banca d’Italia.

I numeri

Per ciò che riguarda il risparmio finanziario, in provincia, al 31 dicembre 2021 l’ammontare risulta di 19.232 milioni di euro (7,3% dell’Emilia-Romagna): il 66,2% è costituito dai depositi bancari, il restante 33,8% dai titoli a custodia. Rispetto al 31 dicembre 2020 si riscontra una crescita del risparmio totale del 5,5% (+6,0% in regione), grazie all’aumento sia dei depositi (+6,8%) sia degli investimenti in titoli (+3,1%).

Passando ai prestiti, in provincia di Forlì-Cesena, al 31 dicembre 2021 quelli totali ammontano a 11.359 milioni di euro (8,3% dell’Emilia-Romagna), così suddivisi: 59,8% alle imprese, 36,5% alle famiglie e 3,7% ad altri soggetti (società finanziarie, enti pubblici, istituzioni senza scopo di lucro). Rispetto al 31 dicembre 2020 si rileva un incremento del 2,0% dei prestiti concessi (+1,8% a livello regionale); nel dettaglio, aumentano i prestiti alle imprese dell’1,4%, grazie alla variazione positiva di quelli alle medio-grandi (+2,3%) mentre calano quelli alle imprese piccole (-2,1%). In crescita anche i prestiti verso le famiglie del 5,2%, con una variazione annua che risulta essere la più alta dall’inizio della fase emergenziale.

In relazione al Fondo di Garanzia per le Pmi, a seguito dei provvedimenti adottati per fronteggiare la crisi economica aggravata dall’emergenza sanitaria, in un lasso temporale che copre circa due anni, è stato registrato un netto aumento delle domande pervenute, rispetto al periodo pre-Covid. In sintesi, tra il 21 marzo 2020 e il 21 febbraio 2022, nella provincia di Forlì-Cesena sono state registrate 22.152 operazioni di finanziamento di cui il 42,2% riferite ai prestiti entro i 30mila euro, per un importo finanziato pari a 2.113 milioni di euro (95mila euro come importo finanziato medio).

Il commento

«Il monitoraggio sistematico del credito contribuisce in modo significativo a delineare il quadro complessivo e puntuale della situazione economica. Il rapporto tra imprese e banche è da sempre un elemento strategico per l’equilibrio e lo sviluppo del nostro sistema sociale ed economico e il tema del credito e dell’accesso al credito delle imprese costituisce da sempre una priorità tra le linee di azione della Camera di commercio della Romagna – dichiara Alberto Zambianchi, presidente dell’Ente –. Per le imprese, soprattutto per quelle di piccole dimensioni e meno strutturate, la disponibilità di adeguate risorse finanziarie, per esigenze di liquidità e per gli investimenti, è di fondamentale importanza, sia per il superamento della crisi, sia per lo sviluppo della propria competitività».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui