Forlì, Covid, guerra, bollette: la barista decide di chiudere

«Rinasco sempre, come l’araba fenice». È la scommessa di Giuliana Fanelli, titolare del Caffè dei Santi in piazza Guido da Montefeltro, che a fine giugno ha deciso di abbassare definitivamente la saracinesca della sua attività dopo neanche tre anni dall’apertura. L’idea di cimentarsi come imprenditrice del suo pubblico esercizio, infatti, è scattata proprio verso la fine del 2019. «Per sopravvivere ho dovuto chiudere perchè non lavoravo più – racconta la diretta interessata –. A monte una serie di motivazioni che hanno fatto sì che la scelta fosse a senso unico. In più, dato i tempi, dovevo garantire da sola il servizio alla clientela, come facevo ultimamente dalle 5 del mattino fino a sera».

Nel mezzo le restrizioni per arginare la pandemia, il lockdown, le zone arancioni e rosse ed infine l’aumento dei costi dell’energia legati allo scoppio del conflitto in Ucraina. «Le condizioni non erano più quelle di quando ho iniziato, la gente non gira e non spende – prosegue la titolare del Caffè dei Santi –. Dopo il primo lockdown le persone spendevano anche e avevano ritrovato il piacere del caffè o della colazione al bar, poi no. Il locale ce lo avevo in affitto d’azienda, questo sarebbe stato il terzo anno, Se devo accendere un mutuo a 50 anni e per un’attività che deve fare i conti con il rincaro delle bollette, non ci sarei scappata. Quindi, seppur con rammarico, ho dovuto prendere una decisione drastica».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui