Forlì, Coronavirus. “Mascherine di nuovo esaurite”

FORLI’. In un’ipotetica enciclopedia, la voce “Fase 2” sarebbe così declinata: progressiva riapertura delle attività lavorative e lento ritorno alle abitudini di vita, personali e collettive, precedenti al lockdown, con l’obbligatorietà del distanziamento sociale e dell’uso di mascherine in qualsiasi relazione interpersonale. Problema: più gente può muoversi, frequentare posti, attività, persone e più mascherine servono e a metà maggio ecco che l’orologio del tempo sembra tornato indietro di due mesi. I dispositivi di protezione individuali sono di nuovo introvabili. Nelle farmacie, quelle chirurgiche che il 27 aprile il Governo aveva deciso di mettere a disposizione dei cittadini al “prezzo politico” di 50 centesimi, sono già esaurite e i rifornimenti sono avvolti nelle nebbie. Riaprendo lunedì al pubblico tantissime altre attività, la situazione è decisamente critica.

In tutta Italia servirebbero 15 milioni di dispositivi al giorno e Federfarma ha denunciato lo stallo a chiare lettere. «Bisogna trovare una soluzione al più presto perché se anche gli ospedali stanno nuovamente faticando a reperire mascherine, figuriamoci i cittadini – lamenta Alberto Lattuneddu, presidente di Federfarma Forlì-Cesena -. È chiaro che nessuno ha la facoltà di moltiplicare i pani e i pesci e che lo Stato, anche decidesse di rendersi autonomo nella produzione, non potrebbe rispondere a un bisogno che è immediato. Ai farmacisti, però, arrivano 50 mascherine ogni 3-4 giorni e con queste dotazioni non riusciamo a rispondere a una richiesta che dal 4 maggio è aumentata moltissimo e che crescerà ancora dopo il 18. La gente continuerà a lamentarsi con noi, ma siamo solo l’ultimo anello di una catena che non funziona».

Il problema ha molteplici sfaccettature a partire dal prezzo imposto, molto più basso di quello di altre nazioni dove i dispositivi costano 30 centesimi in più. «Gli esportatori hanno maggiore interesse a venderle altrove e i grossisti ora le stanno contingentando. Noi farmacisti prima le acquistavamo a 1,60 euro più Iva per venderle a 2, ora a 50 centesimi con costi di sconfezionamento e sanificazione che non addebitiamo al cliente. Per il cittadino, però, il guaio è che i fornitori le acquistano a 70-80 centesimi l’una e quindi non hanno più guadagno. Nessuno lo ha, quindi la catena si è praticamente interrotta. Non possiamo certo fidarci delle decine di mail che ci arrivano da fornitori o pseudo fornitori sconosciuti».

Una soluzione, però, dovrà pure esserci. Lattuneddu l’individua. «Ad accrescere il problema è stato l’ingente quantitativo di dispositivi sequestrati, varie decine di migliaia solo nel nostro territorio. Noi li avevamo ordinati e non sono arrivati, quindi siamo parte lesa, ma queste mascherine potrebbero tornare a disposizione delle farmacie». Come? «Se le ragioni del sequestro sono legate alle certificazioni, ma questi dispositivi di protezione sono validi, le indagini vadano pure avanti, ma li si faccia certificare e immettere sul mercato o le si regali a Protezione Civile e Comuni. L’importante è non lasciarle nei magazzini».

Succederà? Il presidente di Federfarma sospira sapendo che del domani non v’è certezza e intanto dà un consiglio. «I cittadini trattino bene le loro mascherine, le usino con oculatezza e se non si indossano in ambienti a rischio si possono mantenere più a lungo sanificandole internamente ed esternamente con spray idroalcolici». Sempre che si trovino. Anche questi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui